Rune: “Spero di essere tra i Big Three del futuro con Sinner e Alcaraz”

Il danese dimostra ancora una volta di sentirsi sicuro dei propri mezzi

by Giuseppe Migliaccio
SHARE
Rune: “Spero di essere tra i Big Three del futuro con Sinner e Alcaraz”

Quando si tratta di parlare delle sue potenzialità, Holger Rune non ha mai tanti dubbi. Il giovane talento danese – che compirà 20 anni il prossimo 29 aprile – intervistato da Federica Cocchi per La Gazzetta dello Sport, prevede infatti una carriera luminosa, con la speranza di far parte dei “Big Three” del futuro insieme ai suoi coetanei Jannik Sinner e Carlos Alcaraz.

“Non sono arrogante, sono solo appassionato di quello che faccio”, ha dichiarato Rune. “Voglio vincere, ma voglio anche dare spettacolo in campo. Penso che sia molto positivo che ci sia una varietà di personaggi nel circuito, altrimenti sarebbe tutto molto noioso” .

In merito al futuro del tennis, Rune ha risposto elogiando, tra le altre cose, proprio il numero uno azzurro: “È una domanda difficile, però la so! Uno del trio spero di essere io, poi Alcaraz, che ha già dimostrato di saper vincere gli Slam, e infine Sinner.

Ha un atteggiamento incredibile. Sembra sia nel tour da una vita ma ha appena 21 anni, e ogni volta che gioca mostra miglioramenti” .

Rune e la smania per la perfezione

Dal momento dell’esplosione del suo talento nel corso della passata stagione, la scalata nel ranking ATP di Holger Rune è stata a dir poco impressionante.

Il percorso del nativo di Gentofte lo ha portato all’apice a Parigi-Bercy, dove ha trionfato battendo in finale un certo Novak Djokovic, e da allora la sua corsa non si è più fermata. Oggi, il danese è il numero otto del mondo e in questo primo scorcio di 2023 ha già fatto semifinale a Montpellier e ad Acapulco.

Una fame di miglioramento che contraddistingue il giovane Rune, dichiaratamente preso da una sorta di smania per la perfezione: “Lavoro molto duramente, ma penso anche che sia molto importante voler migliorare davvero, vedere che il lavoro sta dando i suoi frutti e goderselo.

Amo così tanto il tennis che voglio essere perfetto, anche se so che non posso esserlo, ma credo che sia questo l'aspetto eccitante, la sensazione di poter sempre migliorare. Non ci sono limiti, e questo mi entusiasma” .

Guardando al presente, Rune si è qualificato agli ottavi di finale del Masters 1000 di Miami dove affronterà il padrone di casa Taylor Fritz. Photo Credit: Julian Finney/Getty Images

Alcaraz
SHARE