Atp Miami - Jannik Sinner non brilla ma supera l’esordio: battuto Djere

L’altoatesino archivia la pratica in un’ora e venti minuti, nonostante qualche problema in entrambi i set

by Luca Ferrante
SHARE
Atp Miami - Jannik Sinner non brilla ma supera l’esordio: battuto Djere

6-4, 6-2. Un risultato forse un po' bugiardo per le difficoltà riscontrate dall'altoatesino nel corso del match ma che rispecchia i valori in campo. Jannik Sinner ha superato l'ostacolo Laslo Djere nella sfida d'esordio al Miami Open.

Complici anche le condizioni della superficie completamente diverse da Indian Wells (seppur sia sempre cemento outdoor), il 21enne ha dovuto far fronte ad alcuni problemi durante la partita specialmente al servizio, riuscendo comunque a non complicare i piani.

L’azzurro non ha vita facile all’inizio del match, che si complica quasi inaspettatamente. Dopo aver sfiorato il break nel primo game alla battuta del suo avversario, il nativo di San Candido fatica a trovare il giusto ritmo con il servizio, mettendo in campo una percentuale molto bassa di prime.

Sul 3-3 questo aspetto e qualche errore di troppo gli costano il break. Djere si ritrova avanti ma non sfrutta l’occasione: il serbo non regge la pressione di dover difendere il vantaggio, il numero 11 del mondo è bravo a reagire subito al passaggio a vuoto e a ristabilire gli equilibri.

L’altoatesino poi rischia ancora, annulla una palla break ma si porta sul 5-4. Sinner chiude in crescendo il set, riuscendo a essere più attento nella gestione degli scambi e a costringere il rivale all’errore: risultato finale il 6-4 nel primo parziale, senza allungare ulteriormente la sfida.

Nel secondo l’italiano parte bene, aumenta nel complesso il rendimento del suo tennis e riesce immediatamente a indirizzare il set. Djere ci prova ma alla quarta palla break deve cedere il servizio, ritrovandosi poi sotto per 3-0.

Il serbo poi si sblocca e interrompe la serie di sei game consecutivi dell’azzurro, che non può però rilassarsi. Infatti, un altro brutto gioco dell’altoatesino consente al 27enne di tornare solo per un attimo in partita.

Sinner non ci sta e riprende pienamente il controllo dell’incontro pochi scambi più tardi, riportandosi avanti di un break. La fuga questa volta è quella giusta e il talentuoso 21enne affretta i tempi per evitare altri rischi: Sinner conferma il turno di battuta e chiude alla prima occasione il confronto in un’ora e venti minuti (6-2).

Al terzo turno affronterà il vincente della gara tra il tedesco Struff e il bulgaro Grigor Dimitrov. Photo credit: Instagram Jannik Sinner.

Atp Miami Jannik Sinner
SHARE