Meloccaro: "Sinner può diventare numero uno. E sulle condizioni di Berrettini..."

Il noto giornalista ha parlato del tennis azzurro

by Giuseppe Di Lauro
SHARE
Meloccaro: "Sinner può diventare numero uno. E sulle condizioni di Berrettini..."

Il noto giornalista di Sky Sport Stefano Meloccaro è intervenuto alla trasmissione in onda su twitch e youtube di Italy Tennis Players soffermandosi su quello che si aspetta dai tre principali tennisti azzurri Jannik Sinner, Lorenzo Musetti e Matteo Berrettini “Manca un po' di tutto e non manca niente, è evidente che Sinner è a quei livelli li e che i miglioramenti ci sono" -debutta Meloccaro parlando delle prestazioni da parte dell'altoatesino- "Ha cambiato ancora un pochino il movimento del servizio e sta diventando sempre più efficace e più fluido.

La differenza si vede. E' più attento, palleggia un po’ di più e non va a cercare il punto subitissimo ma aspetta qualche istante in più prima di creare gioco. Non gli manca nulla, gli manca qualche anno in più di esperienza perché ha ancora 21 anni ed è molto giovane.

Sta migliorando costantemente, sono tutti pezzettini molto piccoli, parliamo di Formula 1. Gli mancano pochi centesimi, a quel livello lì basta un alettone inclinato di un millimetro ed improvvisamente sul rettilineo vai più forte.

Il tennis è veramente formula 1, sono tutti allo stesso livello e vince chi prende tre decimi sugli altri”. Tra tennis italiano e la possibilità di vedere Sinner numero uno al mondo in futuro "Noi siamo stati per tanti anni privi di giocatori italiani forti ma soprattutto un numero così grande perché hanno tirato la carretta Fognini e Seppi per una quindicina d'anni ed adesso improvvisamente abbiamo una grande abbondanza e ci siamo abituati cominciando a pensare che tutto fosse tutto facile, a quel livello la nulla è facile ogni anno arriva sempre un giocatore più forte.

Io credo che Sinner potrà diventare numero uno al mondo, sarà uno dei tanti che si avvicenderanno da qui ai prossimi anni. Non ci possiamo dimenticare l’epoca dei triumvirati che vincono sempre loro, nei prossimi 15 anni ci sarà un grande ricambio un po’ come è stato nel tennis femminile, Sinner è uno di quelli che può diventare numero uno, non vuol dire che ce la farà sicuramente ma può essere alto livello per tanti anni.

Su Lorenzo Musetti "Fa un tennis molto più difficile e più spettacolare che si avvicina quasi ai grandi artisti della racchetta il primo è Roger e poi tutti gli altri che vi vengono in mente e vi possono piacere di più.

Il rovescio ad una mano è il suo colpo forte ma nel tennis moderno è faticoso da portare avanti e continuare a scambiare sulla diagonale del rovescio con quelli che lo giocano a due mani, può sembrare banalità ma non lo è.

Secondo me Musetti ha la possibilità di entrare tra i primi 10 al mondo e vi diro di più: forse anche da quest’anno. Però non glielo dobbiamo chiedere ma dovremmo essere contenti se lo farà”.

Berrettini in procinto di recuperare

Battuta poi su The Hammer che a breve è pronto per fare il suo ritorno sul circuito “Berrettini mi dicono che finalmente stia apposto fisicamente ed anche lì vale lo stesso discorso degli altri.

L’annata scorsa è stata piuttosto sfortunata, però come sappiamo da qui all’erba Matteo avrà pochi punti da difendere. Tutto quello che viene è di guadagnato: adesso marzo è il mese di Indian Wells e Miami che sono campi che a lui piacciono e sono condizioni che a lui piacciono.

Mi aspetto grandi cose da lui”. Sui giovani azzurri "A me piace molto Nardi, è il primo che mi viene in mente ma solo perché è un po' funambolo ed è molto spettacolare come giocatore. Lo stesso Bellucci è un altro che mi piace molto perché è un creatore di gioco, un po' diverso come Nardi e rispetto alla massa dei giocatori un po' tutti uguali di questo periodo.

Se c'è qualche italiano che maneggia la palla in maniera un po' più all'antica a me non dispiace. Però Arnaldi, Passaro ce ne sono tanti, è il buono di questa grande infornata dei Sinner, Berrettini, Musetti e Sonego che stanno creando grande serbatoio dopo di loro".

SHARE