Galimberti: "Sinner e Musetti da primi otto. Giovani italiani? C'è Nardi che..."

L'ex tennista e trainer Giorgio Galimberti ha parlato del tennis azzurro

by Giuseppe Di Lauro
SHARE
Galimberti: "Sinner e Musetti da primi otto. Giovani italiani? C'è Nardi che..."

Il tennis italiano sta vivendo un periodo d'oro. Nei primi 25 al mondo ci sono Jannik Sinner, Lorenzo Musetti e Matteo Berrettini che occupano rispettivamente la dodicesima, diciottesima e ventiquattresima posizione. Inoltre tra i primi 200 al mondo spiccano ben undici millennials che continuano a scalare vertiginosamente la classifica tra vittorie e trofei, non ultimo Giulio Zeppieri vincitore del Challenger di Cherbourg.

Su quello che ha a disposizione il tennis italiano ne ha parlato Giorgio Galimberti alla trasmissione youtube di Italy Tennis Players “L’Italia è messa benissimo, abbiamo un’età media bassissima" -debutta l'ex tennista ed attuale tecnico- "Nei primi 300 giocatori al mondo ne abbiamo una infinità, Tra tutti Nardi ha delle qualità incredibili, forse l’inizio del 2023 non è andato come tutti ci aspettavamo ma dobbiamo far presente la giovane età che ha.

Questo è un peso importante da gestire. Deve sicuramente maturare nelle gestione dei match però dal punto di vista tecnico ed anche fisico è migliorato tanto. E’ pronto a fare il salto ed ha dimostrato di avere punte incredibili anche contro Tsitsipas in una partita incredibile.

Poi l’ha persa ma abbiamo percepito il livello. Insieme a lui ci sono tantissimi giocatori, lo stesso Arnaldi che è un ragazzo tenace ed ha voglia di lavorare, poi Passaro e chi più ne ha più ne metta".


Sul fatto che si prospettano anni di grosse soddisfazioni per il tennis azzurro "In questo momento stiamo vivendo il periodo più bello della storia del tennis italiano e dietro abbiamo questi giovani sui quali possiamo anche appoggiarci nel momento in cui un giorno, ma sarà un bel po’ perché i nostri leader sono molti giovani.

L’Italia si appresta ad avere in avanti un decennio, per non dire di più, importantissimo e per me che lavoro in questo settore può essere soltanto un valore aggiunto”.

Sinner e Musetti diversi ma da top otto al mondo

Galimberti ha risposto sul confronto Sinner-Musetti “Li reputo entrambi giocatori tranquillamente tra i primi otto del mondo.

Totalmente diversi ma affascinante da seguire. Faccio fatica a dire chi tra i due è più o meno forte, sono totalmente diversi ma quando riescono ad esprimere il loro miglior tennis sono da top otto mondiali che è una grande differenza con i top ten soprattutto agli slam".

SHARE