Mats Wilander non crede in Jannik Sinner: "Contro Fucsovics è un 50-50"



by   |  LETTURE 2236

Mats Wilander non crede in Jannik Sinner: "Contro Fucsovics è un 50-50"

Nessun giro di parole eccessivo, un'analisi che divide gli appassionati e gli stessi addetti ai lavori sull'argomento (peraltro già da diverso tempo). Mats Wilander ha voluto parlare dell'attuale momento di Jannik Sinner agli Australian Open nel corso di un suo intervento a Eurosport.

L'ex tennista ha espresso il suo sincero parere sull'altoatesino: "Ora giocherà un match molto duro contro il giocatore ungherese Marton Fucsovics. Sarà per lui una sfida molto complicata. Sulla carta l'italiano dovrebbe essere il favorito ma l'ungherese, con l'esperienza che ha accumulato in questi anni soprattutto nei tornei del Grande Slam, è un gran giocatore" ha dichiarato lo svedese.

Il 58enne, per motivare le sue osservazioni, ha poi aggiunto: "Credo sia una gara difficile da decifrare. Dovrebbe vincere Sinner alla fine ma per me è un 50-50, perché Fucsovics è un grande atleta, ha bei colpi.

Il ragazzo azzurro è invece un po’ più giovane, forse ha risultati leggermente migliori negli Slam. Per me resta comunque un 50-50" ha concluso sulla partita che si disputerà a partire dall'una italiana di venerdì 20 gennaio alla Margaret court arena.

Sinner conferma un buon feeling con gli Australian Open

Il nativo di San Candido ha mostrato a Melbourne di essersi presentato in una buonissima condizione fisica, regolando con abbastanza facilità i primi due avversari che si sono trovati sulla propria strada.

L'atleta allenato da coach Simone Vagnozzi e Darren Cahill ha lasciato appena sei giochi al britannico Kyle Edmund e soltanto sette all'argentino Tomas Martin Etcheverry, dimostrando un livello di gioco alto. Ora Jannik dovrà essere pronto alla battaglia contro Marton Fucsovics, pronto a lottare con tutto se stesso per accedere al quarto turno degli Australian Open.

L'obiettivo di Sinner è confermare l'ottimo gioco mostrato nei primi due turni, magari alzando ulteriormente l'asticella, e arrivare allo scontro con ogni probabilità contro il greco Stefanos Tsitsipas, mai sconfitto sul cemento.