Solo Nadal meglio di Sinner negli Slam dal 2022: "Ma voglio fare meglio dei quarti"



by   |  LETTURE 2303

Solo Nadal meglio di Sinner negli Slam dal 2022: "Ma voglio fare meglio dei quarti"

Cambia la città, non il risultato. Jannik Sinner si presenta a Melbourne dopo la semifinale ad Adelaide con un'altra vittoria ai danni di Kyle Edmund, che a esclusione di una buona partenza nel match non riesce in alcun modo a opporre una resistenza gagliarda al numero quindici del seeding.

Bravo a gestire la faccenda e a fare della regolarità la più affidabile delle armi. "Sicuramente all’inizio mi aspettavo un po’ che interpretasse la partita in quella maniera, in maniera più aggressiva.

Avevamo giocato ad Adelaide e mi aspettavo partisse un po’ più aggressivo, che provasse a tirare la palla più forte. Ho provato a tenere botta subito, ho fatto break subito nel secondo e quello mi ha dato tanta confidenza in vista del terzo set.

Ho giocato un po’ meglio, ho giocato e mosso meglio un po' meglio la palla e alla fine penso di aver trovato un buon tennis. A fine terzo ho avuto un po’ di difficoltà a chiudere ma fa parte del nostro gioco” ha spiegato con grande lucidità, nonostante le parole non vadano tanto d'accordo con il ben più brutale 6-4 6-0 6-2 certificato in poco meno di due ore di gioco.

“Oggi mi sono sentito molto bene in campo, proverò ovviamente a recuperare al meglio per la prossima partita. Me l’aspetto molto tosta. Proverò a non sprecare energie a caso, soprattutto in allenamento e nel resto del tempo.

Sicuramente lo conosco perché ci siamo allenati un paio di volte insieme, quindi entrambi sappiamo cosa aspettarci. Dipende un po’ anche su che campo si gioca perché c’è una differenza tra indoor e outdoor.

Se fa caldo o se fa un po’ più freschino, se c’è vento. Ci sono un bel po' di differenze a seconda delle condizioni climatiche e di quelle dei campi. Secondo me sarà una partita molto dura, molto tosta, vediamo dopodomani come andrà” Solamente Nadal (22) ha vinto più partite di quante ne abbia vinte Sinner negli Slam dagli Australian Open della passata stagione.

Sedici, nello specifico per il talento azzurro, che però ha sempre e solo raggiunto il tavolone dei primi otto senza mai spingersi più in là. Obiettivo? Quello di puntare sempre almeno ai quarti, certo, ma di fare sempre di più.

“Sono solo numeri da un certo punto di vista, sotto un altro punto di vista mi fa piacere. A me giocare 3/5 piace, ci sono tanti momenti dove le cose possono cambiare, ti devi gestire abbastanza bene. Sicuramente anche lo scorso anno ho fatto degli ottimi Slam.

L’obiettivo non è raggiungere i quarti, ma fare sempre uno step in più. Io guardo sempre alla partita succesisvia. So che sto giocando bene, ci stiamo allenando molto bene, ci siamo preparati molto bene, quindi vediamo un po’ come andranno le cose con il passare del tempo”