Jannik Sinner fra i top 5 al mondo: il dato che spaventa tutti



by   |  LETTURE 18584

Jannik Sinner fra i top 5 al mondo: il dato che spaventa tutti

Il cambio di allenatore, la positività al Covid, le decisioni di rivoluzionare tutto lo staff e i numerosi infortuni che hanno condizionato quasi tutta la programmazione della stagione. Il 2022 di Jannik Sinner è stato piuttosto travagliato e impegnativo - come da lui sottolineato nel messaggio pubblicato sui social per chiudere l'annata disputata in tour - ma assolutamente non da cancellare del tutto.

L'altoatesino ha proseguito il suo percorso di crescita nel circuito, migliorando il gioco sotto diversi aspetti e imparando ad affrontare situazioni nuove. In alcune circostanze all'azzurro è mancata quella cattiveria per ottenere vittorie pesanti e fare degli exploit importanti durante i tornei prestigiosi: nei ricordi degli appassionati sono impresse alcune sconfitte maturate con Carlos Alcaraz (nella maratona degli Us Open), Novak Djokovic (in quel di Wimbledon) e Felix Auger-Aliassime, nelle quali si è trovato vicino o addirittura a un passo dal successo.

Tutte situazioni su cui riflettere ancora per non ripeterle ulteriormente, in vista dell'appuntamento finale della Coppa Davis e del 2023. "Mi concentrerò su tutti gli aspetti positivi e imparerò dai miei errori per andare avanti, rimanendo sempre lo stesso.

Sono molto grato al mio team e ai miei soci, grazie a loro per il grande sostegno durante l'anno" è quanto sottolineato dal nativo di San Candido sui social, ripercorrendo un po' la sua avventura in questa stagione.

Un dato sorprendente

Al termine dell'anno è sempre tempo di bilanci. Fra le statistiche più interessanti emerse nell'ultimo periodo, una posizionerebbe Sinner fra i migliori cinque tennisti in circolazione in una speciale classifica.

Il dato è relativo al rapporto vittorie e sconfitte ottenute da ogni giocatore nel corso del 2022: nonostante tutte le difficoltà e i ritiri, l'altoatesino è stato uno dei migliori, chiudendo con 47 affermazioni e 16 battute d'arresto (alcune causa ritiro).

Nella graduatoria l'italiano è preceduto dal vincitore di Australian Open e Roland Garros Rafael Nadal (36-6), il serbo Novak Djokovic (37-7), l'attuale numero uno del mondo Carlos Alcaraz (ben 57 successi ma 13 stop) e anche dall'australiano Nick Kyrgios (37-10).