"Dovrò fare meglio": Sinner si prepara per la super sfida con Alcaraz agli Us Open



by   |  LETTURE 4924

"Dovrò fare meglio": Sinner si prepara per la super sfida con Alcaraz agli Us Open

Jannik Sinner si è rifiugato nella sporcizia per agganciare il successo numero quattro agli Us Open. Sinner, che è diventato l'unico giocatore di tutto il circuito a guadagnare almeno un posto ai quarti di finale in tutti gli Slam della stagione, al termine della complicatissima vittoria con Ilya Ivashka - giustiziere di Lorenzo Musetti - ha provato ad analizzare la situazione ai microfoni di Eurosport.

"Era una partita difficile come abbiamo visto. Il primo set ho giocato abbastanza bene, poi è iniziata un po' la lotta. Sicuramente il mio livello di tennis non è stato altissimo, nell'altro senso posso essere contento di essere riuscito a vincerla.

Ho risposto bene e ho servito bene nel quinto. Era l'unica chance che avevo perché non sentivo la palla come volevo. Ripeto, sono contento di averla portata a casa. Ai quarti devo alzare il livello per stare alla pari di Alcaraz, ma il giorno di allenamento mi aiuterà" Alzare il livello nei momenti importanti.

Questa la chiave. Nonostante una prestazione 'così-così' Sinner ha trovato il modo nel deciding set di spezzare gli equilibri, di recuperare un set di ritardo e di chiudere addirittura con un parziale di 16-2.
"Sapevo prima della partita di non aver mai raggiunto i quarti.

D'altro canto non pensi mai a queste cose. Sono competitivo un po' su tutte le superfici, riesco a reagire e ad adattare il mio gioco al meglio su tutte le superfici. Arrivare ai quarti negli Slam non è mai semplice, ma sai perfettamente che da un certo punto in poi ci sono solo i migliori giocatori del mondo" Sinner ha parlato prima di conoscere il nome del suo avversario ai quarti.

Ora sappiamo chi sarà.
"Carlos lo conosco un pochettino meglio perché abbiamo già giocato un paio di volte contro. Contro Cilic ci avevo giocato già in Coppa Davis. Io proverò a capirlo il più velocemente possibile, dovrò stare attento alle mie cose, servire meglio, rispondere in maniera abbastanza aggressiva.

Mi allenerò sapendo chi dovrò giocare e questo mi aiuterà tantissimo a sviluppare un piano tattico preciso"