Jannik Sinner e Matteo Berrettini, cattive notizie in vista delle Atp Finals



by   |  LETTURE 18214

Jannik Sinner e Matteo Berrettini, cattive notizie in vista delle Atp Finals

Dovevano essere i tornei del riscatto, che potevano mantenere aperte le speranze di qualificazione. Si sono invece rivelate competizioni difficili e (forse) fatali per il destino dei due tennisti. Jannik Sinner e Matteo Berrettini rischiano di dire addio al sogno chiamato Nitto Atp Finals: è questo il risultato che emerge dopo i due Master 1000 americani a Montreal e a Cincinnati.

Entrambi gli italiani non hanno lasciato il segno sia in Canada che negli Stati Uniti e sono ‘costretti’ a invertire la rotta sul cemento agli Us Open, manifestazione nella quale dovranno andare a caccia di un risultato soddisfacente.

Il 26enne romano non è riuscito a trovare confidenza sulla superficie, rimediando due brutte sconfitte all’esordio, una pesante contro Pablo Carreno Busta e l’altra al termine di una dura battaglia contro Frances Tiafoe.

L’altoatesino invece ha ottenuto qualche vittoria ma non ha mai superato gli ottavi di finale. L’azzurro ha mostrato un ottimo livello di gioco nella sfida con Felix Auger-Aliassime ma non è stato abile a chiuderla e a sfruttare due match point.

Pochi punti conquistati e una corsa verso l’evento al PalaAlpitour di Torino che si complica ancora di più per i due italiani, condizionati nella prima parte di stagione dagli infortuni.

L’attuale situazione

I due principali portacolori hanno raccolto quasi gli stessi punti fino a questo momento del 2022: Berrettini occupa la 14esima posizione della classifica 'Race' mondiale (assegnerà gli otto pass per la manifestazione di novembre) con 1865, cinque lunghezze in meno del 20enne nativo di San Candido che è quindicesimo.

Entrambi avranno bisogno di un'accelerazione decisa negli ultimi mesi per poter partecipare al grande evento sportivo riservato ai migliori giocatori. Considerando Novak Djokovic (subito avanti ai due) dentro per aver vinto Wimbledon, il settimo posto è distante circa 900 punti.

Dunque, l'Italia dovrà recitare un ruolo di assoluta protagonista agli Us Open per sperare ancora di avere un suo atleta alle Finals: Matteo e Jannik dovranno trovare le migliori sensazioni in campo e cercare di spingersi fino in fondo al torneo statunitense.