"Ho cercato di essere aggressivo": Jannik Sinner analizza il debutto a Cincinnati



by   |  LETTURE 4695

"Ho cercato di essere aggressivo": Jannik Sinner analizza il debutto a Cincinnati

In questa parte di stagione match semplici sul cemento non ce ne sono ancora stati. Jannik Sinner ha dovuto faticare tanto per superare il primo turno del Master 1000 di Cincinnati. Alla fine, dopo una battaglia di oltre tre ore di gioco, l'altoatesino con coraggio e grande determinazione nei momenti cruciali ha sconfitto un ostico Thanasi Kokkinakis.

La prestazione dell'azzurro è stata migliore di quelle mostrate in Canada ma le difficoltà non sono assolutamente mancate: oltre a soffrire molto il servizio solido dell'avversario, che non gli ha consentito di sfruttare al massimo le poche palle break avute nel corso della gara, il talentuoso 21enne ha servito una percentuale bassa di prime e commesso diversi errori non forzati.

L'aspetto positivo è sicuramente i tantissimi vincenti messi a segno, specialmente col dritto, che hanno tenuto a bada l'australiano. L'attuale numero 12 al mondo dovrà provare a cambiare passo dal confronto successivo, dato che il valore degli avversari continuerà sempre più ad aumentare.

La competizione in Ohio rappresenta decisamente un banco di prova importante per l'atleta di coach Simone Vagnozzi e Darren Cahill (entrambi presenti) in vista degli Us Open.

Le parole a fine gara

Sinner è sceso in campo nel giorno del suo compleanno.

Al termine dell'incontro, in un'intervista ai microfoni di Atp tour, si è soffermato su questo particolare aspetto: "Adoro giocare a tennis e fare quello che amo nella giornata in cui compio gli anni è la cosa migliore che potessi avere.

È stato un bel lieto fine, quindi sono ovviamente molto felice" ha dichiarato.

Poi ha aggiunto: "All'inizio non giocavo così bene o non sentivo la palla al meglio. Ho cercato di essere un po' più aggressivo, perché Thanasi è un giocatore molto offensivo.

Prendiamo gli aspetti positivi da questa partita e speriamo nel prossimo turno di poter giocare a un livello anche più alto" ha concluso l'altoatesino. Mercoledì 17 agosto l'italiano tornerà nuovamente in campo per la sfida dei sedicesimi di finale. Photo credit: Western & Southern Open.