"Mi ha sorpreso": Carlos Alcaraz svela alcuni dettagli su Jannik Sinner



by   |  LETTURE 11061

"Mi ha sorpreso": Carlos Alcaraz svela alcuni dettagli su Jannik Sinner

Il tennis italiano sta passando un nuovo periodo molto favorevole, dopo l'exploit incredibile del 2021: tanti giovanissimi tennisti si stanno mettendo in evidenza fra circuito Atp e Challenger, ottenendo risultati molto soddisfacenti anche in questa stagione 2022.

Azzurri protagonisti e i dati che lo confermano sono la classifica Race verso le Next Gen Atp Finals di Milano, che registra una grande presenza di atleti italiani, e i 31 partecipanti (fra tabellone principale e qualificazioni) nella prossima edizione degli Us Open.

Numeri davvero importanti per il movimento, che vuole fronteggiare in questo momento soprattutto quello spagnolo, ben rappresentato nelle zone altissime della classifica mondiale dal campione Rafael Nadal e dal 19enne Carlos Alcaraz.

L'Italia ha recentemente mostrato i muscoli fra l'erba e le ultime competizioni su terra rossa: Matteo Berrettini si è aggiucato i titoli di Stoccarda e nuovamente del Queen's, non potendo neppure provare a completare l'opera a Wimbledon a causa della positività al Covid; Lorenzo Musetti e Jannik Sinner invece hanno trionfato rispettivamente ad Amburgo e a Umago, riuscendo a battere il giovane iberico, ora numero 4 al mondo.

Il commento di Alcaraz

Proprio Carlos Alcaraz è stato interrogato da Federica Cocchi della Gazzetta dello Sport sull'attuale movimento azzurro: "Gli italiani mi hanno dato qualche dispiacere di troppo ultimamente.

Prima Berrettini, poi Musetti e due volte Sinner. Sono giocatori tutti molto forti e con caratteristiche completamente differenti. Mi hanno dato davvero del filo da torcere, anche se in alcuni casi la vittoria mi è mancata per qualche piccolo dettaglio" ha dichiarato nell'intervista concessa.

Poi ha proseguito: "Jannik è sicuramente quello che più mi ha sorpreso. Contro Berrettini sapevo a cosa sarei andato incontro, conoscevo il suo stile; con Musetti uguale. Sinner mi ha sorpreso per il modo di stare in campo e per il livello di aggressività che riesce a esprimere in ogni scambio.

In campo ci diamo battaglia ma fuori siamo tutti amici" ha sottolineato e concluso sul tema. I due saranno entrambi impegnati al Master 1000 di Montreal ed è stato lo stesso spagnolo a diffondere sui social una foto insieme al 20enne nativo di San Candido, a pochi giorni da loro esordio in campo.

Photo credit: Wimbledon.