Jannik Sinner, lo stop costa caro: brutte notizie per l'azzurro



by   |  LETTURE 62717

Jannik Sinner, lo stop costa caro: brutte notizie per l'azzurro

Le ultime settimane hanno visto la rinascita del tennista azzurro Jannik Sinner. Il numero uno italiano ha raggiunto i Quarti di finale a Wimbledon dimostrando a tutti il suo valore e chiarendo di essere competitivo anche su una superficie (finora ostica) come l'erba.

Recentemente Jannik ha poi vinto il suo primo torneo del 2022, battendo in finale lo spagnolo e suo grande rivale Carlos Alcaraz. I due sono ormai i principali protagonisti della nuova NextGen del tennis ed in tanti pronosticano una rivalità tra i due che si preannuncia storica.

Sinner ha ottenuto ottimi risultati, ma complice la mancata assegnazione di punti a Wimbledon non ha guadagnato posizioni in classifica, anzi sono in arrivo brutte notizie per lui.

Jannik Sinner perde diverse posizioni in classifica

Dopo la vittoria di Umago Jannik Sinner ha deciso di non partecipare al torneo di Washington e ripartire direttamente dal Masters 1000 di Montreal.

Una scelta logica e condivisibile ma che penalizza il tennista azzurro. Con l' ultima vittoria infatti, complici i 500 punti persi da Jannik, Hubert Hurkacz ha scavalcato in classifica l'azzurro, scivolato fuori dalla Top Ten mondiale.

Sinner resta numero uno italiano davanti a Matteo Berrettini e poco prima di Taylor Fritz e Cameron Norrie. I due, in caso di eventuali vittorie nelle prossime ore possono superare anch'egli Jannik che diventerebbe così nuovo numero 13 al mondo.

Negli ultimi giorni ha parlato, ai microfoni del Corriere del Veneto, il primo coach di Jannik Sinner, ecco le parole di Heribert Mayr: "Ad Umago Jannik è rimasto con la testa sul match per tutta la gara, invece Alcaraz è calato alla distanza.

Sinner più forte? Non si può dire, sull'erba è certamente più forte ma ad Umago ha inciso il fattore psicologico. Rispetto al passato Sinner è più cattivo, è così da Wimbledon e credo che l'artefice di tutto ciò sia il supercoach australiano Darren Cahill"

Jannik ha dimostrato comunque di essere competitivo su tutte le superfici e che, a meno di clamorosi colpi di scena, l'uscita dalla Top Ten Mondiale è solo davvero momentanea. Photo Credit: Instagram Jannik Sinner