Pescosolido: “Finali come quelle di Sinner e Musetti segneranno la storia del tennis”



by   |  LETTURE 7832

Pescosolido: “Finali come quelle di Sinner e Musetti segneranno la storia del tennis”

Dopo anni di ‘buio’, il tennis italiano ritrova finalmente la ‘luce’. È innegabilmente un periodo particolarmente florido questo per l’intero movimento, che si sta rivelando capace di sfornare tanti giovani talenti capaci di imporsi nei tornei in giro per il mondo e contro, talvolta, avversari di alto rango.

Come non menzionare la straordinaria spedizione in terra croata a Umago, che ha visto vincere Jannik Sinner battendo in finale Carlos Alcaraz, ma che già in semifinale ha goduto della presenza di ben tre italiani su quattro: Zeppieri, Agamenone e, per l’appunto, Sinner.

Poco prima, da Amburgo era arrivata un’altra grande gioia: il trionfo di Lorenzo Musetti, che ha conquistato il primo titolo ATP della sua giovane carriera ancora su Alcaraz. Un successo, quello del carrarese, che rende particolarmente orgoglioso Stefano Pescosolido, il quale in una intervista riportata da La Gazzetta dello Sport ha tessuto le lodi di Musetti e, in generale, del tennis azzurro.

Pescosolido: “Gran salto di qualità per Musetti. Siamo messi bene”

L’ex numero 1 italiano nel novembre del 1993 e oggi commentatore per conto di Sky Sport, Stefano Pescosolido, si è espresso sulla cavalcata trionfale che ha condotto Lorenzo Musetti a conquistare l’ATP 500 di Amburgo, ma non solo.

“Lorenzo ha fatto veramente un gran salto di qualità, un grande torneo la settimana scorsa. Vorremmo rivederlo con quel livello di gioco e credo che lo rivedremo già dal cemento americano, perché penso sia scattato qualcosa nel suo gioco, lo abbiamo visto più aggressivo, più intraprendente.

Con maggiore continuità, perché poi lui durante le partite lo ha sempre fatto, magari non con continuità, ma lo ha fatto e nella finale contro Alcaraz lo ha fatto alla grande anche a livello mentale. Quanto al tennis italiano ─ ha proseguito Pescosolido ─ abbiamo diciassette giocatori tra la 100esima e la 200esima posizione, cominciando da Agamenone che è 108, per arrivare a Zeppieri, Cobolli, Nardi, Passaro e questo è significativo.

Tantissimi giovani che stanno venendo su bene e che vedremo sul cemento americano anche. Siamo messi bene e la finale di Sinner e quella di Amburgo [di Musetti] sono sfide che rivedremo presto, rivedremo nel tempo e credo che segneranno la storia del tennis” .

Credit Photo: Getty Images 👇🏻 Seguiteci anche su Instagram 👇🏻
http://tiny.cc/Instagram_TWI