Jannik Sinner-Carlos Alcaraz, si riaccende la rivalità. Orario e le ultime sul match

L'azzurro in crescita, lo spagnolo è fra i migliori sulla terra rossa. Una partita quasi indecifrabile

by Luca Ferrante
SHARE
Jannik Sinner-Carlos Alcaraz, si riaccende la rivalità. Orario e le ultime sul match

La finale che si attendeva alla fine della settimana, la più 'scontata' fra le due principali teste di serie del tabellone. Seppur con qualche rischio da parte dello spagnolo, saranno Jannik Sinner e Carlos Alcaraz a giocarsi il titolo dell'Atp 250 di Umago in una super sfida quasi indecifrabile e tutta da scoprire.

Sarà il quarto atto fra i giovanissimi talenti, con una rivalità che si sta sempre più accendendo: dopo gli ottavi di finale a Wimbledon, in cui per la prima volta è stato l'azzurro a spuntarla, sono nuovamente uno contro l'altro, stavolta a contendersi anche un trofeo (attualmente detenuto proprio dall'iberico, vincitore nel 2021 contro Gasquet nell'atto conclusivo).

Sinner in crescita, con due tabù da sfatare

Fin qui percorso netto, con le sbavature più 'gravi' nella chiusura dei match, per l'altoatesino in Croazia. Il numero 10 al mondo ha sconfitto i tre avversari che si sono presentati sul suo cammino, senza concedere alcun set e risparmiando anche delle energie preziose in vista della finale.

L'italiano è in grandissima crescita e, in forma, ha fatto capire come possa mettere in difficoltà tutti i migliori. Quest'anno ha battuto sette volte su altrettanti incontri un giocatore spagnolo (all'appello, fra i Big, manca solo Rafael Nadal) e punta nuovamente a ripetersi col 19enne allenato da coach Juan Carlos Ferrero.

"Sarà quasi una partita a scacchi. Ci sarà molta tattica in campo, sicuramente non giocherò lo stesso di tipo di match" ha dichiarato in conferenza stampa il nativo di San Candido, che ha principalmente due tabù da sfatare.

A Umago, nelle tre edizioni in cui sono arrivati fino in fondo un azzurro e uno spagnolo, l'Italia ha sempre perso (nel 2003 Moya su Filippo Volandri; nel 2010 proprio Ferrero ai danni di Starace e nel 2013 Robredo contro Fognini).

Il secondo è personale, visto che Sinner ha al momento la terza peggiore striscia di sconfitte consecutive contro i top 5: il bilancio attuale è di 0-13; rispetto allo Slam londinese, questa è una nuova opportunità per sbloccarsi ed evitare di raggiungere Bedene (0-14).

Alcaraz è Alcaraz

Non è la versione più brillante del campioncino iberico ma la sua pericolosità e forza sulla terra rossa è sotto gli occhi di tutti. Carlos vuole riconfermarsi vincitore a Umago e andrà a caccia di riscatto dopo la battuta d'arresto in finale ad Amburgo per colpa di un grande Lorenzo Musetti.

"Gli italiani sono diventati un incubo per me" ha affermato recentemente il 19enne, dato che il 50% delle sconfitte totali nel 2022 sono di marca azzurra. Il numero 5 del ranking (in quarta posizione da lunedì) ha vinto l'unico precedente su terra, seppur nel 2019 e in un Challenger, e soprattutto ha già conquistato quest'anno i titoli di Madrid e Barcellona su questa superficie.

Le condizioni del suo piede, dopo la scivolata in semifinale contro Zeppieri, non sembrano creargli problemi o particolari fastidi, dunque è pronto a dare battaglia per tornare a battere l'altoatesino.

Jannik Sinner Carlos Alcaraz
SHARE