Jannik Sinner sicuro su Novak Djokovic: "Poteva andare diversamente"



by   |  LETTURE 8734

Jannik Sinner sicuro su Novak Djokovic: "Poteva andare diversamente"

Buon esordio del numero uno azzurro Jannik Sinner nel torneo Atp 250 di Umago. Il tennista altoatesino reduce dall'esperienza a Wimbledon e reduce da qualche problema fisico, ha debuttato nel torneo croato contro lo spagnolo Jaume Munar e nonostante qualche piccola difficoltà ha ottenuto la vittoria ed il pass per i Quarti di finale.

Jannik è sembrato in controllo del match ma allo stesso tempo c'è stato qualche problema con lo spagnolo che in entrambi i set ha recuperato i break. Fortunatamente per l'azzurro è riuscito però a concludere e Sinner affronterà ai Quarti di finale contro lo spagnolo Roberto Carballes Baena.

Intrigano i potenziali match tra semifinale e finale contro Lorenzo Musetti (derby molto atteso) e Carlos Alcaraz.

Le parole di Sinner sui suoi obiettivi

Il tennista altoatesino ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport ed è tornato sulla sfida contro Novak Djokovic di Wimbledon.

Sinner era avanti di due set ma il serbo ha aumentato il suo livello ed ha ottenuto una delle sue tante vittorie in rimonta: "Dopo qualche giorno di malumore ho provato a vedere il lato positivo e cioè che ho costretto Novak Djokovic ad aumentare il suo livello.

Senza ciò sarebbe finita diversamente. Per tanti è sembrato che io sia calato, ma in realtà è lui che mi ha portato in un'altra dimensione". Jannik Sinner ora è al lavoro in vista dell'ultimo grande torneo dell'anno, gli Us Open.

L'azzurro è sempre più ambizioso ed a riguardo ha commentato: "Quarti di finale? Voglio andare più lontano possibile, bisogna porsi traguardi molto importanti, ringrazio il mio team con il quale c'è grande armonia".

In queste ore Jannik è tornato a parlare ai microfoni del sito Atp ed ha commentato la vittoria contro Munar con queste parole: "Sono contento del successo. È stato molto complicato alla fine chiuderla ma adesso pensiamo già alla prossima partita.

Sulla condizione fisica nel finale: "Quando ti allontani dal circuito per un po' di tempo senza giocare incontri, può essere un po' più difficile riprendere quella confidenza nei match agonistici ufficiali. Comunque ho fatto dei progressi importanti durante la sfida, dopo un inizio che non è stato facilissimo".