Atp Umago - Jannik Sinner, rientro vincente sulla terra rossa. Sorpresa Holger Rune



by   |  LETTURE 8150

Atp Umago - Jannik Sinner, rientro vincente sulla terra rossa. Sorpresa Holger Rune

Dopo Wimbledon un ritorno sullla terra rossa vincente. Jannik Sinner si è sbarazzato in due set di Jaume Munar e ha superato con successo il primo turno dell'Atp 250 di Umago. Davanti a una buona cornice di pubblico italiana, l'altoatesino ha offerto una prestazione non super e un livello di gioco non altissimo, ma quanto basta per regolare il rivale con pochi problemi.

Un altro spagnolo, Roberto Carballes Baena, sarà il prossimo avversario dell'azzurro in Croazia ai quarti di finale. Il match non brilla, soprattutto nella prima parte, per emozioni e intensità; a farla da padrone sono i diversi gratuiti di entrambi i tennisti.

I due decidono in apertura di farsi male da soli: prima l’iberico commette due pesantissimi doppi falli e cede subito la battuta, poi il 20enne ristabilisce immediatamente l’equilibrio con tre brutti errori consecutivi di dritto e un successivo doppio fallo.

Il numero 59 al mondo supera un game difficile e comincia a condurre nel punteggio; l’italiano risponde colpo su colpo giocando con intelligenza da fondo campo, nonostante un dritto a volte falloso, e lasciando spesso le discese a rete al suo avversario.

La svolta nell’ottavo gioco: Munar tradito ben due volte da volée non complicatissime e un ulteriore doppio fallo lo condanna a subire il secondo (stavolta molto più pesante) break di giornata. L’atleta di coach Simone Vagnozzi approfitta immediatamente della situazione e chiude senza nessun altro problema il set per 6-4.

Nel secondo Sinner prova ad accelerare e nel terzo game trova le giuste contromisure al serve and volley dello spagnolo per portarsi avanti nel risultato. Così come a inizio partita, però, l’altoatesino si lascia sorprendere e cala per un attimo la concentrazione, subendo l’immediato contro-break.

Questa volta l’azzurro reagisce e trova le forze per strappare nuovamente la battuta. Un game che costringe Munar a rincorrere ulteriormente nel punteggio. Il numero 10 al mondo arriva a servire per l'incontro ma regala due chances all'avversario di rientrare in partita: l'azzurro rimane concentrato, le annulla e poi, seppur con qualche problema, chiude al sesto match point (6-4).

Sorpresa Rune

Oltre all’eliminazione di Alex Molcan, la grande sorpresa di giornata è sicuramente la sconfitta della terza testa di serie del tabellone di Umago Holger Rune: il danese non esce dal periodo buio iniziato dopo il Roland Garros e incappa nel settimo stop consecutivo nel circuito (ultima vittoria proprio con Tsitsipas a Parigi).

Nonostante il 6-3 iniziale, lo spagnolo Barnabe Zapata Miralles ribalta il confronto nei successivi due parziali per 6-3, 6-2. Dopo aver subìto il decisivo break nel secondo, Rune cala tantissimo a livello fisico e quasi non può nulla nel terzo.

Ridurre gli scambi e cercare soluzioni affrettate non gli fa superare le difficoltà e alla fine si arrende. A Kitzbuhel gli spagnoli Pablo Andujar e Roberto Bautista Agut si confermano e staccano il pass per i quarti di finale, regolando rispettivamente gli austriaci Misolic e Rodionov.

L’idolo di casa Dominic Thiem se la cava e conquista un’altra vittoria che fa sicuramente morale: il connazionale Ofner si arrende col punteggio finale di 6-2, 3-6, 6-3, dopo una dura battaglia. Esce di scena la testa di serie numero 4 Aslan Karatsev, sconfitto in due parziali dal serbo Lajovic.