Binaghi si coccola i talenti italiani: il presidente della FIT loda Sinner e Musetti



by   |  LETTURE 3357

Binaghi si coccola i talenti italiani: il presidente della FIT loda Sinner e Musetti

L’Italia, oltre alle Nitto ATP Finals e alle Next Gen Finals, ospiterà ufficialmente altri due tornei nella parte finale della stagione. Saranno Firenze e Napoli ad accogliere i migliori giocatori del Tour nel mese di ottobre.

Quest’oggi, presso il meraviglioso impianto del TC Napoli, è stata presentata la prima edizione della Tennis Napoli Cup. All’evento hanno partecipato il presidente della FIT Angelo Binaghi, il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, il presidente del TC Napoli Riccardo Villari e il rappresentate di TCNC Cosimo Napolitano.

Binaghi ha parlato della grande opportunità offerta alla città di Napoli e della costante crescita del movimento maschile italiano.

Le parole di Binaghi su Sinner e Musetti

"In questo momento di grande sviluppo del tennis italiano anche da un punto di vista organizzativo, abbiamo portato da Roma il grande tennis prima a Milano con le Next Gen ATP Finals, poi a Torino addirittura con le ATP Finals.

C’è solo una grande differenza, che tutte le altre volte lo abbiamo portato noi d’intesa o su richiesta delle Pubbliche Amministrazioni. Qui è diverso: abbiamo contribuito a portare il grande tennis perché l’ha voluto il Tennis Napoli con il presidente Villari" , ha spiegato Binaghi nelle parole riportate da SuperTennis.

"Quindi non sarei mai potuto mancare a questa festa perché qui, avendolo chiesto voi e ottenuto voi, c’è una partecipazione che credo sia unica rispetto al resto d’Italia. Vogliamo parlare di risultati qualitativi? Ci sono quelli di ieri per esempio, ma se vogliamo guardare le cose in prospettiva e quindi vedere la classifica degli Under 21 più forti al mondo, i primi tre sono Carlos Alcaraz, Jannik Sinner e Lorenzo Musetti: questo vuol dire che ne abbiamo due nei primi tre.

Se guardiamo i primi dieci ne abbiamo quattro: se guardiamo i primi venti ne abbiamo otto. Arriviamo a Napoli in un momento assolutamente irripetibile, con un movimento in grande salute e grande entusiasmo in tutti i circoli: abbiamo le scuole tennis e le società sportive completamente piene, anche perché nell’ultimo caso laddove non lo sono si riempiono grazie al padel, il nostro secondo sport" .