Pietrangeli: "Carlos Alcaraz è un prepotente, Jannik Sinner gli ha dato una lezione"



by   |  LETTURE 25317

Pietrangeli: "Carlos Alcaraz è un prepotente, Jannik Sinner gli ha dato una lezione"

I miglioramenti dell'altoatesino sono sotto gli occhi di tutti e lo hanno portato a dominare (contro ogni aspettativa) l'incontro col 19enne iberico. Jannik Sinner si è regalato una magica giornata nella sua prima partita della carriera sul centrale di Wimbledon battendo Carlos Alcaraz, che era riuscito invece a superarlo nei due precedenti confronti.

Rispetto alla sfida fra i due giovanissimi tennisti più talentuosi, disputata al Master 1000 di Parigi-Bercy, si è notata tutta la crescita dell'azzurro nei turni di servizio, nella gestione degli scambi e di ogni momento della battaglia.

Il 6-1 del primo set, come il risultato finale, è un segnale importante in vista del futuro: l'italiano ha condotto la gara per lunghi tratti e confermato lo straordinario rendimento sull'erba londinese, davvero inaspettato alla vigilia dell'inizio del torneo, visto che fino a quel momento non aveva ancora vinto un incontro in un main draw.

Il parere dell'ex tennista

A intervenire sulla super sfida degli ottavi di finale è stato l'ex giocatore Nicola Pietrangeli, che ha espresso delle dure osservazioni: "Jannik è un fenomeno. Ha giocato da vero campione dando una lezione a Carlos, molto bravo ma altrettanto prepotente" ha commentato pesantemente ai microfoni di LaPresse.

Poi ha sottolineato le qualità del nativo di San Candido: "La sua forza principale è la mentalità, per questo lo chiamo 'mezzo tedesco' Sinner-Alcaraz può essere il Djokovic-Nadal del futuro" ha aggiunto.

Sulla prossima gara dell'altoatesino contro Novak Djokovic: "Contro Nole do a Sinner un 45% di possibilità di vittoria. Nel tennis l’esperienza non conta e ha tutte le carte in regola per affermarsi" ha analizzato.

Sarà una gara complicatissima per l'azzurro, che dovrà mostrare lo stesso livello di gioco ed essere mentalmente forte, soprattutto nelle fasi cruciali. I due si sono studiati già da qualche giorno in allenamento proprio a Wimbledon, ma martedì sarà partita vera.