Jannik Sinner fa la storia a Wimbledon: i record dell'azzurro

L'altoatesino è il più giovane italiano a conquistare gli ottavi di finale in ogni Slam

by Luca Ferrante
SHARE
Jannik Sinner fa la storia a Wimbledon: i record dell'azzurro

Il lavoro effettuato su erba, nonostante il poco tempo a disposizione ma l'aiuto importante di un super coach come Darren Cahill, è stato decisivo per raggiungere un risultato davvero soddisfacente. Jannik Sinner ha bruciato le tappe e ottenuto l'accesso agli ottavi di finale di Wimbledon.

Un traguardo per qualcuno inaspettato alla vigilia del torneo, visto che l'altoatesino non aveva ancora vinto una partita su questa superficie e aveva giocato appena una gara prima dello Slam londinese, mentre per altri solo la conferma delle sue potenzialità da poter esprimere anche su erba.

I margini di miglioramento sono ancora tanti ma il livello di gioco dell'azzurro durante l'ultimo confronto è stato molto alto, fra battuta efficace e solida, sicurezza col rovescio nei lunghi scambi e maggiore coraggio a osare con la palla corta e le discese a rete.

Il nativo di San Candido ha avuto la prova di poter 'amare' l'erba: "Prima della competizione l'obiettivo era di vincere almeno un match, quindi sono davvero felice di essere agli ottavi" sono le parole che confermano come anche il talentuoso 20enne non si aspettasse tre successi consecutivi nella prima settimana della manifestazione.

Adesso l'atleta allenato da coach Simone Vagnozzi avrà l'occasione di superarsi ulteriormente, provando a spuntarla nella sfida col fenomeno spagnolo Carlos Alcaraz.

I record dell'azzurro

Diversi i primati ottenuti dall'italiano dopo la vittoria ai danni dello statunitense John Isner.

Sinner è stato in grado di conquistare gli ottavi in tutti i tornei del Grande Slam già all'età di 20 anni: negli ultimi tre anni ci è riuscito al Roland Garros, agli Us Open nel 2021 (perdendo col tedesco Zverev) e quest'anno sia agli Australian Open che a Wimbledon.

È il più giovane azzurro di sempre a completare il cerchio, il sesto nell'era Open. Infatti, l'altoatesino si è aggiunto alla lista in cui sono presenti Raffaella Reggi, Silvia Farina, Francesca Schiavone e Flavia Pennetta e Matteo Berrettini.

Un altro dato importante, in vista del prossimo match, è sul servizio: l'attuale numero 13 al mondo, che tornerà presto in top ten, non ha mai concesso la battuta all'americano (neppure un mini-break al tie-break del secondo set).

Jannik Sinner Wimbledon
SHARE