"Che rammarico": Stan Wawrinka parla della sconfitta contro Jannik Sinner



by   |  LETTURE 10648

"Che rammarico": Stan Wawrinka parla della sconfitta contro Jannik Sinner

Uno dei match più interessanti del primo turno di Wimbledon era quello tra l'ex campione Slam Stan Wawrinka ed il tennista azzurro Jannik Sinner. Il numero uno italiano (da questa settimana ufficialmente) ha ottenuto a Wimbledon la sua prima vittoria sull'erba ed ha festeggiato alla grande il suo ingresso nella Top Ten ed ha battuto in quattro set lo svizzero, in due ore e 42 minuti.

I due tennisti hanno lottato molto nei primi due set, ha vinto il primo set e l'elvetico ha pareggiato i conti nel secondo parziale. Il quarto game del terzo set Jannik è andato avanti di un break e si è portato così sul 6 a 3.

Nel quarto set Jannik ha preso il volo ed ha ottenuto una delle vittorie più importanti della sua carriera. Sinner arriva da un momento complicato, una serie di sconfitte e di infortuni ed ora questa vittoria può diventare un'ottima notizia per sbloccarsi in vista del futuro.

Le parole di Wawrinka sul match

Dopo la sconfitta contro Jannik Sinner, Stan Wawrinka, tennista che ha avuto sempre qualche difficoltà sull'erba, ha analizzato la sfida ed ha commentato il ko contro il tennista altoatesino: "Sono deluso per come ho giocato contro Jannik.

In allenamento ho fatto e spinto molto di più, sinceramente mi aspettavo di più dopo gli ultimi giorni. Certo, ci sono anche aspetti positivi, ma sono deluso da quello che non è accaduto. Potevo fare molto di più e posso dire che a fine match ero frustrato.

Devo comunque continuare a lavorare, il mio obiettivo è guadagnare fiducia ed ho senza dubbio bisogno di vittorie per sbloccarmi e fare si che ciò avvenga. Devo restare positivo e continuare ad allenarmi duramente"

Wawrinka è uno dei pochi tennisti che è riuscito a vincere tornei del Grande Slam nell'era del Big Three, ha vinto un Roland Garros, 1 Australian Open ed un US Open mentre ha ottenuto i Quarti di finale come miglior risultato a Wimbledon, rispettivamente nel 2014 e nel 2015 del torneo londinese.