Panatta sicuro: “A Roma Jannik Sinner può battere chiunque”



by   |  LETTURE 3333

Panatta sicuro: “A Roma Jannik Sinner può battere chiunque”

È stato un avvio di stagione piuttosto particolare per il talento azzurro Jannik Sinner. L’altoatesino ha cominciato il 2022 con le tre vittorie in ATP Cup e i quarti di finale agli Australian Open, dando poi seguito a questi risultati a Miami − dov’è stato costretto a ritirarsi nel match di quarti di finale contro Cerundolo per delle dolorose vesciche ai piedi − e sulla terra rossa di Monte Carlo, torneo in cui è stato eliminato da Alexander Zverev dopo oltre 3 ore di battaglia.

Un inizio di 2022 che è stato, inoltre, all’insegna dei cambiamenti per l’azzurro, che dopo la cavalcata nell’Happy Slam ha scelto di interrompere il proprio rapporto lavorativo col suo storico coach Riccardo Piatti.

Sinner che, sempre a causa delle vesciche, ha deciso in via precauzionale di cancellarsi anche dall’ATP 500 di Barcellona. La sua programmazione resta ora, però, in Spagna, dove il numero 2 italiano prenderà parte al Mutua Madrid Open.

Il tutto in previsione del ritorno in patria per gli Internazionali BNL d’Italia, evento nel quale, secondo Adriano Panatta, Jannik Sinner può giocarsela fino in fondo.

Panatta spiega perché Sinner ha grosse chance a Roma

L’ex campione azzurro Adriano Panatta si è riunito con i suoi colleghi Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci e Tonino Zugarelli protagonisti con lui della gloriosa spedizione che ha portato l’Italia al trionfo in Coppa Davis nel 1976.

L’incontro è avvenuto grazie a Sky, che il prossimo 14 maggio manderà in onda “Una squadra” , serie diretta da Domenico Procacci che racconterà proprio quello splendido trionfo. La presentazione di questa produzione cinematografica è stata anche l’occasione per parlare del tennis attuale.

Panatta, in particolare, ha risposto in merito a Jannik Sinner, che secondo lui ha le potenzialità per battere chiunque a Roma. “Sinner ha le qualità già adesso per poter vincere un 1000. Anche perché, parliamoci chiaro, Djokovic non sta certamente in forma e qualche problema fisico ce l’ha; Nadal, che storicamente è il più forte sulla terra battuta, ha avuto problemi.

Non è che ci siano tutti questi fenomeni. Per carità, ci sono i vari Zverev, Alcaraz, Tsitsipas, ma sono tutti giocatori che Sinner può battere. Prima c’erano Federer, Nadal e Djokovic al massimo, quindi era più difficile anche solo arrivare in finale. Oggi come oggi, secondo me, ci sono tutte le prospettive perché anche uno come Sinner possa vincere” .