Gaudenzi sogna due italiani alle Finals e punta su Matteo Berrettini e Jannik Sinner



by   |  LETTURE 2034

Gaudenzi sogna due italiani alle Finals e punta su Matteo Berrettini e Jannik Sinner

A Torino, presso il Palazzo Madama, è stata presentata ieri pomeriggio la prossima edizione delle ATP Finals. Il torneo si disputerà per il secondo anno consecutivo nel capoluogo piemontese dal 13 al 20 novembre.

La speranza di tutti gli appassionati italiani di tennis è quella di vedere ancora una volta almeno un azzurro competere al Torneo dei Maestri. I due maggiori indiziati per ottenere la qualificazione sono sempre Matteo Berrettini e Jannik Sinner, che nonostante i numerosi problemi fisici occupano attualmente la nona e la quattordicesima posizione nella Race To Turin. Rafael Nadal, Carlos Alcaraz e Daniil Medvedev sono i primi tre giocatori presenti nella speciale classifica e sarà difficile non vederli a Torino.

Sono invece numerosi i dubbi legati alla presenza di Novak Djokovic. Il serbo ha giocato un solo torneo quest’anno e cercherà di conquistare importanti punti nel corso della stagione sulla terra rossa e durante l’estate londinese.

Considerando le attuali regole in vigore negli Stati Uniti, Djokovic non potrebbe partecipare ai Masters 1000 americani e agli US Open. I regolamenti relativi alla pandemia da Covid-19 potrebbero però presto cambiare.

Gaudenzi punta su Sinner e Berrettini: obiettivo Finals

“Stiamo lavorando per il futuro. Vogliamo migliorare, prendiamo le critiche in maniera costruttiva, stiamo già lavorando per un futuro migliore perché vogliamo continuare a far crescere questo evento stupendo" , ha spiegato il presidente dell'ATP Andrea Gaudenzi durante la presentazione e nelle parole riportate da Sky Sport.

"Speriamo di poter avere quest'anno lo stadio pieno, di non dover subire le restrizioni legate al Covid e di avere ancora giocatori italiani che partecipano. Matteo Berrettini e Jannik Sinner, per esempio, sono sempre tra i migliori al mondo.

Sono partiti con un ottimo primo trimestre, incrociamo le dita e magari riusciremo ad avere ancora due italiani alle Finals a fine anno” . Angelo Binaghi, presidente della FIT, ha invece dichiarato: "Nella prima edizione abbiamo ottenuto risultati straordinari, raggiungendo 113 Paesi nel mondo e quasi 110 milioni di persone: Torino deve affermarsi come capitale mondiale del tennis, vanno ancora scritte pagine importanti nella storia di questo sport" .