Jannik Sinner in campo a Miami: le ultime sulle sue condizioni



by   |  LETTURE 40911

Jannik Sinner in campo a Miami: le ultime sulle sue condizioni

Indian Wells ha lasciato decisamente un po' di amaro in bocca, vista la modalità in cui l'atleta ha terminato la sua avventura nel tabellone principale. Jannik Sinner ha bisogno di reagire mentalmente al ritiro nel primo Master 1000 della stagione, a causa di problemi fisici che non gli hanno permesso neppure di scendere in campo e cercare di dare battaglia negli ottavi di finale (era opposto all'australiano Nick Kyrgios, poi sconfitto ai quarti dal campione spagnolo Rafael Nadal).

L'altoatesino, attraverso i propri canali social, ha riassunto in una frase la delusione di quanto accaduto in terra californiana: "Days where you can't even try are the toughest… [I giorni in cui non puoi nemmeno provarci sono i più duri]"

Sulle condizioni sembra che il peggio sia stato scongiurato: infatti, il talentuoso 20enne è già arrivato a Miami e ha cominciato a intensificare gli allenamenti in vista del primo impegno. Non è passato inosservato la sua sessione nella giornata di domenica con coach Simone Vagnozzi, che prosegue il lavoro iniziato qualche settimana fa per far crescere e migliorare ulteriormente lo stile di gioco del nativo di San Candido, e il finlandese Emil Ruusuvuori, entrambi ripresi dall'azzurro Andreas Seppi in una storia su Instagram.

Miami banco di prova importante

Un inizio di annata tortuoso, dovuto più a questioni 'lontane dal campo' come il cambiamento dell'allenatore, la positività al Covid e questo problema fisico, che ha condizionato un po' le prestazioni e i risultati dell'italiano nel circuito Atp.

Il tennista poteva probabilmente raccogliere qualche punto in più e spingersi oltre in alcune competizioni, ma sicuramente ha avuto una conferma importante nei primi tre mesi: anche con qualche difficoltà, l'altoatesino riesce a risolvere in suo favore le partite con avversari alla portata.

Ultimo esempio quella col francese Benjamin Bonzi, vinta in tre set nonostante tutte le complicanze (o con lo spagnolo Davidovich Fokina a Dubai). In Florida il 20enne, anche con una forma non al 100%, dovrà ambire a un risultato di tutto rispetto per compensare i 600 punti in uscita, che potrebbero fargli perdere qualche posizione nel ranking, in evoluzione ogni settimana.

Nel 2021 infatti Sinner ha raggiunto l'atto conclusivo del torneo, perdendo soltanto dal polacco Hurkacz. Una sconfitta che si è poi rivelata la svolta della sua carriera.