Binaghi punta su Matteo Berrettini e Jannik Sinner: il sogno Davis è solo rimandato



by   |  LETTURE 11234

Binaghi punta su Matteo Berrettini e Jannik Sinner: il sogno Davis è solo rimandato

L’Italia ha conquistato nel 1976 la prima e finora unica Coppa Davis della sua storia. Il successo ottenuto dalla squadra capitanata da Nicola Pietrangeli e guidata da Adriano Panatta arrivò contro il Cile e rappresenta, ancora oggi, una delle pagine più belle ed emozionanti del tennis tricolore.

Le sfide decisive si disputarono, purtroppo, in un clima poco sereno e fortemente condizionato dal regime di Pinochet. Grazie al talento che caratterizza l’attuale panorama tennistico italiano, tutti gli appassionati di questo meraviglioso sport sono tornati a sognare quello che potrebbe diventare il secondo sigillo azzurro nella più importante manifestazione a squadre.

L’Italia avrà la possibilità di giocare il girone di Coppa Davis alla Unipol Arena di Bologna. Il capoluogo dell’Emilia-Romagna è stato infatti scelto come una delle quattro sedi indicate a ospitare i gironi delle Davis Cup Finals per i prossimi cinque anni.

Il presidente della FIT Angelo Binaghi ha espresso tutto il suo orgoglio per la decisone presa dall’ITF e dal Gruppo Kosmos al sito ufficiale della Federazione Italiana Tennis.

Binaghi sogna in grande con Berrettini e Sinner

"Siamo naturalmente molto soddisfatti.

Dobbiamo ringraziare la Sottosegretaria con delega allo sport, Valentina Vezzali, e il territorio nella persona del presidente della Regione Emilia-Romagna, Bonaccini, perché ci hanno sostenuto e aiutato. Questa manifestazione rappresenta una grande opportunità per il nostro Paese" .

Binaghi crede nella forza del team azzurro e, soprattuto, nella crescita di Matteo Berrettini e Jannik Sinner. Entrambi hanno raggiunto prestigiosi risultati negli ultimi anni e guadagnato l'accesso in top 10. "Arriva in un momento straordinario per il tennis italiano, in particolare maschile, forse il migliore di sempre nella nostra storia.

"La Coppa Davis è una manifestazione che, dobbiamo dircelo, noi vogliamo vincere nei prossimi cinque anni. Credo che ci siano tutte le condizioni per poter raggiungere questo prestigioso traguardo. Non lo dico io, lo dicono innanzitutto i nostri più forti giocatori, Sinner e Berrettini.

Credo che per vincerla si debba fare un programma di medio periodo, come stiamo facendo con Bologna. Credo che serva la salute dei nostri giocatori, che l'anno scorso è mancata e mi riferisco in particolare a Matteo Berrettini.

Credo che ci siano anche i tempi per trovare una coppia di doppio che è quello che probabilmente ancora ci manca. Ma queste cose ce le potranno dire i nostri giocatori agli Internazionali BNL d'Italia il prossimo maggio quando presenteremo l'evento anche alla stampa internazionale" .