Tsitsipas su Jannik Sinner e Matteo Berrettini: "Sono due giocatori molto diversi"



by   |  LETTURE 18559

Tsitsipas su Jannik Sinner e Matteo Berrettini: "Sono due giocatori molto diversi"

Stefanos Tsitsipas sarà l’avversario di Jannik Sinner ai quarti di finale di Australian Open. Il tennista greco ha vinto l’ottavo di finale contro l’americano Taylor Fritz al quinto set, con il punteggio di 4-6, 6-4, 4-6, 6-3, 6-4.

Nella conferenza stampa post match, Tsitsipas ha commentato il suo match e il suo atteggiamento durante questo. “È stata una battaglia molto dura. Ho dovuto affrontare molti momenti nel miglior modo possibile. Riuscire a superare tutte quelle difficoltà ha richiesto molta forza mentale da parte mia.

Penso di aver fatto le cose che dovevo fare al tempi giusti e l'ho gestita molto bene”. Tsitsipas ha anche voluto sottolineare le sue strategie di gioco durante i set finali: “È stata una grande rimonta.

Una partita molto emozionante, ho dovuto costantemente ricordare a me stesso di rimanere lì e andare avanti e trovare soluzioni ai miei problemi. Ci sono stati molti scambi, grandi successi, ottimi servizi da entrambe le parti.

Sono successe tante cose diverse. Sono riuscito a controllare le mie emozioni e ad usarle nel miglior modo possibile. Penso che il supporto della folla oggi sia stato molto importante, mi ha incoraggiato e dato la loro energia dal dall'inizio alla fine"

Il tennista greco ha spiegato le strategie che ha adottato durante il match: "Sentivo che ci sono stati momenti in cui ero troppa sulla difensiva e chiaramente non andavo a cercare i colpi vincenti. Ho continuato a dirmi che dovevo colpire la palla più forte, provarci.

Alla fine, mi è rimasto bloccato nella testa e tutto il resto si è concretizzato nel quinto set. Non potevo continuare ad essere così difensivo e fare così tanti scambi”. La strategia iniziale, tuttavia, è cambiata nell’ultimo set: “Ho dovuto spostarlo ed essere aggressivo.

D'altra parte, ho anche visto che non dovevo fare scambi molto corti, perché nel quinto set diventa una battaglia fisica e mi sentivo preparato. Ho dovuto costringerlo a fare molto sforzo fisico per i punti, non a dargli punti gratis"

Tsitsipas parla di Sinner e Berrettini

Il prossimo avversario di Tsitsipas sarà Jannik Sinner, che ha sconfitto nel suo ottavo di finale in tre set il beniamino di casa Alex De Minaur. Il tennista, numero quattro al mondo, però ha detto la sua su entrambi gli italiani presenti ancora nel tabellone.

"Non ho giocato molto contro di loro per sapere chi avrei preferito. Sinner è nel circuito da poco, Berrettini un po' di più. Contro lui ho giocato un po' di più che contro Jannik”. Tsitsipas ha anche evidenziato le differenze che ci sono tra Berrettini e Sinner: “Matteo è un battitore più forte di Jannik, genera più potenza e anche più precisione con i suoi servizi e ottiene più punti liberi di Jannik.

Dalla linea di fondo penso che Jannik sia più talentuoso, gioca più rilassato e fluido. Non mostra molta tensione quando gioca. Molto sangue freddo, rispetto a Matteo che dà l'impressione di essere più emotivo. Sono due giocatori molto diversi, questa è la realtà", ha concluso il greco.