Sinner: "Davis? Ho imparato tante cose. Non vedo l'ora di giocare di nuovo"



by   |  LETTURE 3550

Sinner: "Davis? Ho imparato tante cose. Non vedo l'ora di giocare di nuovo"

Jannik Sinner ha impiegato pochi minuti a prendersi l’Italia, conquistare l’affetto del pubblico e spazzare via le critiche piovute su di lui dopo il no alle Olimpiadi di Tokyo 2020. L’altoatesino ha dato il massimo in Coppa Davis e vinto i tre match disputati in singolare con grande personalità.

Dopo i successi contro John Isner e Daniel Elahi Galan, Sinner ha tenuto viva la sua squadra compiendo una straordinaria rimonta ai danni di un ottimo Marin Cilic. Il terzo successo su tre in singolare non è però bastato, perché il doppio croato formato da Nikola Mektic e Mate Pavic è stato perfetto e non ha lasciato speranze all’Italia.

Sinner: "Sono contento di fare parte di questo gruppo"

“La Davis è diversa. Sono contento di fare parte di questo gruppo. Questa notte è stata più importante di un torneo individuale, anche se abbiamo perso.

Abbiamo vissuto un momento difficile per la perdita del nostro Doc, e questo ha reso tutto ancora più complicato. Ma abbiamo dato tutto e non vedo l'ora di giocare di nuovo in Nazionale” , ha detto Sinner in conferenza stampa e nelle parole riportato da SuperTennis.

“Ho imparato tante cose anche nelle ATP Finals, poi giocare la Davis è una sensazione particolare perché giochi per tutto il team, provi emozioni diverse. C'è più responsabilità e questo ti fa crescere.

Il doppio lo devo ancora imparare, ma ho cercato di apprendere da Fabio, che ha tanta esperienza, come anche Simone. Mi ha fatto piacere stare nel team con loro, con tutti i compagni e con il capitano. Qui vinciamo come squadra e perdiamo come squadra” .

Sinner ha infine parlato del suo programma in vista dell'inizio della prossima stagione. "Dal torneo di Sofia non mi fermo un giorno, dunque adesso andrò in vacanza. Il prossimo anno comincerò con l'ATP Cup, poi ovviamente gli Australian Open e quindi vedremo come impostare il resto della stagione” .