Jannik Sinner: “Giocare con la maglia azzurra è stato davvero emozionante”



by   |  LETTURE 5578

Jannik Sinner: “Giocare con la maglia azzurra è stato davvero emozionante”

Non si avevano dubbi che con il suo talento avrebbe fatto la differenza anche in Coppa Davis, ma probabilmente al debutto non si pensava un domino così evidente col tennista migliore (da poter schierare) degli Usa.

Jannik Sinner ha regalato nuovamente spettacolo al PalaAlpitour di Torino, portando a termine il compito di chiudere immediatamente la contesa con gli Stati Uniti sul 2-0. L’altoatesino è stato davvero impeccabile nell’incontro col big server John Isner, aggiudicandosi in poco più di un’ora il confronto col nettissimo punteggio di 6-2, 6-0.

Pressione dall’inizio alla fine della sfida e una grandissima prestazione in risposta, oltre che durante gli scambi. L’azzurro si è subito sbarazzato dell’americano con ben cinque break conquistati in totale, non un aspetto indifferente quando si ha di fronte un giocatore che fa della battuta il proprio marchio di fabbrica.

L’Italia ha così trionfato matematicamente nella gara inaugurale della competizione a squadre e ora dovrà “soltanto” battere la Colombia per essere in vetta al girone.

Sinner racconta il proprio stato d’animo

In un’intervista rilasciata a fine match, l’attuale decimo del ranking Atp ha raccontato cosa ha provato nell’esordire indossando la maglia azzurra: “Giocare in Italia è sempre speciale, poi è stato un onore poter scendere in campo per la mia nazione.

La prima volta con l’inno è stato davvero emozionante” ha affermato, ringraziando l’affetto del pubblico presente. “Sono felicissimo di come ho disputato questa difficile sfida. Avevo un buon equilibrio in tutti i colpi e soprattutto ho risposto bene per tutta la partita.

Non era semplice visto che ci eravamo già affrontati recentemente e John mi aveva anche battuto a Cincinnati” ha aggiunto. Poi ha proseguito, commentando il risultato del compagno Lorenzo Sonego: “Anche lui ha giocato benissimo, ha vinto, peraltro nella sua città.

Mi ha dato la carica giusta per entrare motivato e fare bene fin da subito. Abbiamo giocato con due avversari molto simili, siamo stati bravi a limitare i loro servizi e portare a casa i due punti” ha concluso. Photo credit: Federtennis.