Nargiso non ha dubbi sul futuro di Jannik Sinner



by   |  LETTURE 3029

Nargiso non ha dubbi sul futuro di Jannik Sinner

La prima edizione italiana delle ATP Finals ha visto trionfare Alexander Zverev. Il tedesco ha prima battuto Novak Djokovic in tre set in semifinale e poi dominato l’ultimo atto del torneo contro Daniil Medvedev. Diego Nargiso, voce di SuperTennis, ha avuto la possibilità di intervistare i giocatori dopo ogni partita sia alle Next Gen Finals di Milano che al Torneo dei Maestri.

In un’intervista esclusiva rilasciata al quotidiano “La Stampa” , l’ex tennista italiano ha parlato dei giocatori che hanno disputato le Finals e raccontato alcuni curiosi aneddoti.

Nargiso: "Il futuro di Sinner è da numero uno"

"Djokovic è fantastico, con lui devi prepararti sempre 2 o 3 domande in più perché te le brucia con la sua simpatia e i suoi siparietti.

Medvedev è come gioca: con risposte mai scontate può lasciarti fermo. Sascha è molto educato, ma secco, poco fluido nelle interviste, Tsitsipas il più 'americano' di tutti, sa che la gente vuole anche lo `show’ e risponde fuori dai denti, aiutato da una presenza incredibile.

Rublev è un finto cattivo, si nasconde dietro un aspetto freddo ma è molto simpatico. Ruud un bravissimo ragazzo, umile ma già campione, ‘Hubi’ è cortese ma un po’ scolastico" .

Nargiso si è poi soffermato sull'esordio di Jannik Sinner in Coppa Davis. L'altoatesino rappresenterà l'Italia per la prima volta il prossimo venerdì. "Tutte le sue prime volte le ha giocate sempre al massimo, dai Future ai Challenger, alle prime esperienze Atp, al debutto a Roma.

È una qualità che hanno i campioni. Anche a Torino abbiamo visto come è riuscito a trascinare il pubblico. Lui va in campo senza pensare a chi ha davanti, anch’io ero un po’ così. Per me sarà un davisman perfetto, e il suo futuro è da n.1 del mondo" .

Ricordiamo che l'Italia è stata inserita nel Gruppo E e dovrà battere la concorrenza di Stati Uniti e Colombia per conquistare i quarti di finale della storica manifestazione a squadre.