Barazzutti e la dedica di Sinner a Berrettini: "É stato un bel gesto"



by   |  LETTURE 1758

Barazzutti e la dedica di Sinner a Berrettini: "É stato un bel gesto"

“Sono molto dispiaciuto per Matteo, lui è un giocatore e un ragazzo incredibile. Gioco per lui e farò del mio meglio con lui nel cuore” . È questo il pensiero che Jannik Sinner ha dedicato a Matteo Berrettini dopo aver battuto Hubert Hurkacz alle ATP Finals di Torino e conquistato di nuovo la top ten.

Il numero uno italiano è stato costretto a ritirarsi dal torneo a causa dell’infortunio agli addominali subito durante il match con Alexander Zverev e, sfortunatamente, non potrà scendere in campo nemmeno in Coppa Davis.

A sostituire Berrettini è stato appunto Sinner, che è diventato il secondo tennista azzurro a vincere una partita al Torneo dei Maestri e disputato una grandissima partita contro Daniil Medvedev. Il giocatore classe 2001 è stato bravo a ritrovare i suoi colpi nel secondo set e solo un ottimo Medvedev gli ha impedito di fare 2/2 a Torino.

Il russo ha annullato due match point a Sinner nel tie-break dell’ultimo e decisivo set.

Barazzutti: "Jannik Sinner? E’ stato un bel gesto"

Oltre agli incredibili risultati raggiunti sul campo, Berrettini e Sinner hanno emozionato tutti gli appassionati grazie alla grande sportività mostrata alle Finals.

Corrado Barazzutti, ex capitano della squadra italiana di Coppa Davis, ha voluto elogiare i due in un'intervista rilasciata al quotidiano “La Repubblica” . "E’ stato un bel gesto, corretto e trasparente.

Un atto di amicizia e rispetto da parte di un ragazzo nei confronti di un collega che ha qualche anno in più. Dietro c’è sempre uno spirito agonistico" , ha spiegato Barazzutti. "Ma io credo che in questo caso ci sia la capacità di superare i propri limiti emotivi e avere dei rapporti" .

Le due semifinali delle ATP Finals 2021 vedranno come protagonisti Novak Djokovic, Casper Ruud, Medvedev e Zverev. Il campione serbo dovrà vedersela ancora una volta con Zverev; mentre il numero due del mondo affronterà Ruud, che ha stupito tutti e ha ottenuta una storica qualificazione battendo Andrey Rublev in tre set molto combattuti.

Sia Djokovic che Medvedev hanno chiuso al primo posto i rispettivi gironi esprimendo un ottimo tennis e confermando le aspettative di inizio torneo.