Jannik Sinner svela qual è stato il gesto più romantico in vita sua



by   |  LETTURE 3777

Jannik Sinner svela qual è stato il gesto più romantico in vita sua

Il 2021 di Jannik Sinner ha vissuto di alti e bassi con il tennista azzurro che ha avuto grandi gioie e clamorose delusioni. Ha vinto ben quattro tornei in questo 2021 ed è per la prima volta, a soli 20 anni e due mesi, entrato nella Top 10 mondiale.

Numeri da record per il tennista azzurro che allo stesso tempo ha faticato quando si trattava di giocare contro atleti della Top Ten ed ha leggermente deluso le aspettative nei tornei di maggiore caratura dove il risultato di maggior rilievo è stato senza dubbio la finale persa nel Masters 1000 a Miami contro Hurkacz.

Questa settimana l'azzurro è uscito al suo primo match nel torneo Atp di Stoccolma dove ha ceduto contro il britannico Andy Murray. L'altoatesino è apparso scarico e lunedì prossimo scenderà all'undicesima posizione della classifica Atp, sorpassato dal suo coetaneo canadese Felix Auger-Aliassime.

Da Stoccolma sono arrivate interessanti curiosità al di là del tennis per il giovane atleta.

Jannik Sinner ed il gesto più romantico mai fatto

Nel corso di un'intervista Jannik ha risposto alla domanda sul gesto più romantico mai fatto nella sua vita.

Una domanda curiosa e che inizialmente ha colto alla sprovvista Sinner, che, poi ha però spiegato: "Sinceramente non sono un ragazzo molto bravo con il romanticismo. Diciamo che è una domanda dura. Sono andato a cena una volta ed è stato fantastico, ora vi spiego il perché.

Eravamo a Monte Carlo e subito dopo la cena siamo andati in un posto che conosco dove ti affacci e puoi vedere tutto il panorama di questa città, devo dire che fu una serata fantastica" Jannik Sinner è fidanzato da oltre un anno con la giovane modella Maria Braccini ed entrambi, di tanto in tanto, mostrando via social il loro bel rapporto.

Per quel che riguarda la stagione, Sinner sarà la prima riserva alle Atp Finals di Torino di fine anno e parteciperà come ultmo evento della stagione alla Coppa Davis dove è uno dei 'moschettieri' della squadra azzurra, guidata da Filippo Volandri.