Volandri elogia gli azzurri e su Sinner spiega: "Non sembra che abbia vent'anni"



by   |  LETTURE 7049

Volandri elogia gli azzurri e su Sinner spiega: "Non sembra che abbia vent'anni"

Le Fasi Finali della Coppa Davis sono ormai alle porte e l’Italia potrà contare su una delle migliori squadre della sua storia. Il team capitanato da Filippo Volandri è stato inserito nel Gruppo E insieme a Stati Uniti e Colombia e disputerà entrambe le sfide a Torino.

Volandri ha deciso di convocare Matteo Berrettini, Jannik Sinner, Fabio Fognini, Lorenzo Sonego e Lorenzo Musetti. I primi due saranno sicuramente le stelle della squadra e potranno fare la differenza in singolare. La coppia di doppio potrebbe essere formata da Fognini e Sonego, che hanno giocato insieme diversi tornei nelle ultime settimane e dimostrato di poter mettere in difficoltà i migliori tennisti del Tour ATP.

Volandri: "Non siamo i favoriti in Coppa Davis"

In un’intervista rilasciata ai microfoni di SuperTennis, Volandri ha parlato dei suoi giocatori e delle sue aspettative. "Ci sono squadre molto forti. Novak Djokovic ha appena confermato che giocherà la Davis ed è tutto più incerto perchè si giocano due singolari e un doppio all'interno della stessa giornata, due set su tre.

Non c'e' margine di errore. E' qualcosa di veramente fantastico esordire da capitano in Italia per una Coppa Davis tutta nuova, soprattutto per me, è veramente molto elettrizzante. Ho la fortuna di avere una squadra composta da giocatori che in tutti questi anni abbiamo aiutato a crescere, a maturare, e questo mi avvantaggia.

Guardiamo al futuro, e spero che nel prossimo futuro possiamo raggiungere qualcosa di importante. Questa è una squadra nuova, molto, ma molto giovane. Probabilmente una squadra così giovane non l'abbiamo mai avuta e quindi abbiamo bisogno di tempo per crescere.

Matteo Berrettini viene sempre fuori in maniera incredibile da momenti complicati, e questo la dice lunga sulla sua maturità. Sinner sta bruciando le tappe, non sembra che abbia vent'anni, Fognini ha grande disponibilità verso questo progetto, mentre Sonego è un animale da palcoscenico, un ragazzo al quale piace competere.

Musetti, invece, ha bisogno di tempo per fare esperienza, e credo che questa per lui sia un'occasione importantissima" .