Next Gen Finals - Arriva la decisione ufficiale di Sinner



by   |  LETTURE 8796

Next Gen Finals - Arriva la decisione ufficiale di Sinner

“Se mi servono i punti di Stoccolma, giocherò a Stoccolma per entrare a Torino. Se non mi servono più, probabilmente giocherò Milano. Ma ora non voglio pensare così avanti, ci sono tante settimane davanti a me non solo per far punti, ma anche per la mia crescita” .

Jannik Sinner aveva già anticipato qualche mese fa il suo programma per questo finale di stagione. L’altoatesino ha purtroppo perso al secondo turno del Masters 1000 di Parigi-Bercy contro Carlos Alcaraz e subito il controsorpasso di Hubert Hurkacz nella Race to Turin.

Il polacco non sta esprimendo il suo migliore tennis in questo momento, ma ha comunque raggiunto i quarti di finale a Parigi e domani potrebbe chiudere il discorso qualificazione battendo James Duckworth.

Sinner, arriva le decisione definitiva sulle NextGen Finals

Considerando i problemi fisici che hanno impedito a Stefanos Tsitsipas di terminare il match di secondo turno con Alexei Popyrin, presentarsi a Torino come prima riserva potrebbe davvero fare la differenza.

È proprio per questo che l’eliminazione di Cameron Norrie agli ottavi di finale ha spinto Sinner a prendere una decisione definitiva. L’azzurro giocherà il torneo ATP 250 di Stoccolma e non le NextGen Finals di Milano per non mettere a rischio anche il suo posto come riserve al Torneo dei Maestri.

Dopo la sconfitta contro Alcaraz, Sinner ha mostrato grande maturità in conferenza stampa. "So di essermi giocato la maggior parte delle mie possibilità. Lo sapevo anche prima di entrare in campo, che sarebbe stata una partita importante, e per questo ero un po’ teso.

Credito a Carlos, ma pescarlo al primo turno non è stato un granchè. C’è solo un modo di reagire, che è quello di alzarsi dal letto domani ed andare ad allenarsi, e sicuramente farò così.

Di certo sono dispiaciuto per tante cose. Anzitutto per la partita di oggi. Nel primo game di risposta ho fatto bene, ma poi sono stato discontinuo. C’era tanta tensione, tante cose insieme che hanno fatto sì che non riuscissi a fare quello che volevo. Tra di queste, soprattutto un Carlos che tira forte, serve bene, si muove benissimo" .