Jannik Sinner vs. Carlos Alcaraz sul Campo 1: bufera sugli organizzatori



by   |  LETTURE 6641

Jannik Sinner vs. Carlos Alcaraz sul Campo 1: bufera sugli organizzatori

Dal nostro inviato a Parigi - È un mercoledì ricco di match interessanti al Rolex Paris Masters, ultimo Masters 1000 stagionale, in cui si decide la corsa alle ATP Finals e non solo. Dopo l’esordio di Novak Djokovic ieri, scenderanno in campo oggi Stefanos Tsitsipas, Alexander Zverev e Daniil Medvedev (in rigoroso ordine cronologico sul Centrale).

L’attenzione dei fan italiani è tutta rivolta sull’impegno di Jannik Sinner, in lizza per un posto a Torino. Il 20enne altoatesino se la vedrà con Carlos Alcaraz, grande promessa del tennis spagnolo, autore di una splendida cavalcata a Vienna la settimana scorsa.

La loro rivalità potrebbe diventare uno dei cardini del tour ATP nei prossimi anni, visto che entrambi hanno già messo in mostra un potenziale notevolissimo. Sinner ha beneficiato di un bye al primo turno essendo testa di serie numero 8, mentre Alcaraz ha dovuto faticare tantissimo per avere la meglio sul padrone di casa Herbert nella giornata di ieri.

Bufera sugli organizzatori

Ha fatto decisamente scalpore la scelta degli organizzatori di programmare la sfida tra Jannik Sinner e Carlos Alcaraz sul Campo 1 invece che sul Centrale. Carreno Busta vs. Gaston e Dimitrov vs. Khachanov sono stati preferiti a quello che rappresenta a tutti gli effetti uno scorcio sul futuro.

Attraverso il suo profilo Twitter, Ivan Ljubicic – attuale coach di Roger Federer – ha criticato senza troppi giri di parole questa decisione. “Sinner vs. Alcaraz court 1… Just NO” – ha scritto l’ex giocatore croato.

Alla vigilia del suo debutto a Bercy, il campioncino di Sesto Pusteria ha riflettuto sulla sua ascesa in un’intervista a Sky Sport. “Sono felice della posizione in cui mi trovo, anche se ci sono ancora tante cose nuove che devo imparare.

Spero di far bene a Parigi, è un torneo molto importante. Vedremo se riuscirò a qualificarmi per le ATP Finals di Torino. Mi piace tanto giocare su questa superficie, si adatta perfettamente alle mie caratteristiche. Siamo a fine stagione e ho disputato tante partite quest’anno, ma non posso mollare ora”.