Sinner esalta un giovane tennista: “È già uno dei migliori al mondo”



by   |  LETTURE 22800

Sinner esalta un giovane tennista: “È già uno dei migliori al mondo”

Un finale di stagione per cuori forti, ma specialmente per abili calcolatori. Per le tanto desiderate Nitto Atp Finals sono ancora in palio due importantissimi posti e un giovanissimo tennista dal calibro di Jannik Sinner vuole fare tutto pur di riuscire a coronare un sogno all’età di soli 20 anni.

La sconfitta in semifinale a Vienna non ha permesso all’altoatesino di conquistare altri punti preziosi e di superare Casper Ruud nella ‘Race’, per avere ancora più chances a disposizione. Adesso l’azzurro, protagonista di una parte di annata su cemento indoor davvero incredibile, dovrà tenere a distanza gli avversari Norrie e Hurkacz a Parigi-Bercy, cercando di aumentare il vantaggio in classifica e avvicinare il sogno.

Probabilmente la qualificazione, a meno di exploit come la finale del Master 1000 in Francia, potrà essere raggiunta con certezza solo nel ‘250’ di Stoccolma, in programma la prossima settimana, nel quale dovrà ottenere comunque un buon risultato, visto che tutti i diretti concorrenti sono iscritti e vogliono dire la loro fino alla fine.

Il talentuoso 20enne ha bisogno di reagire psicologicamente al modo in cui è arrivata la battuta d’arresto su Frances Tiafoe e pensare a come essere più forte dei penalizzanti sorteggi, che il più delle volte non gli consentono una massima resa nei tornei.

L’elogio dell’italiano

In una delle ultime conferenze stampa, Sinner ha speso bellissime parole nei confronti di un giovanissimo tennista, che secondo lui può essere già considerato tra i grandi.

Il giocatore in questione è lo spagnolo Carlos Alcaraz, che nella capitale austriaca ha dimostrato tutte le sue qualità tecniche e tattiche (grazie anche al coach Juan Carlos Ferrero), avanzando fino alla semifinale.

“Per me è già uno dei migliori al mondo. Mentalmente è un grande, sa gestire le partite, colpisce molto forte e si muove molto bene in campo. L’ho visto con attenzione nel terzo set contro Berrettini e si è comportato benissimo.

Due anni fa non era così” il commento dell’altoatesino al talentuoso 18enne iberico. I due si potrebbero incrociare già al secondo turno di Parigi-Bercy, se il nativo di Murcia si aggiudicasse il match con Herbert. Sarebbe un match davvero spettacolare tra due attuali e future promesse del tennis.