Ruud su Sinner: "Non siamo cresciuti insieme, ma abbiamo un bel rapporto"



by   |  LETTURE 14655

Ruud su Sinner: "Non siamo cresciuti insieme, ma abbiamo un bel rapporto"

Il torneo ATP 500 di Vienna potrebbe risultare fondamentale in ottica Finals. L’evento austriaco ha infatti messo l’uno contro l’altro alcuni dei principali indiziati per ottenere gli ultimi due posti disponibili per Torino.

Il primo scontro diretto ha visto Felix Auger-Aliassime annullare tre match point a Cameron Norrie agli ottavi di finale; il secondo, invece, ha portato Jannik Sinner in top 10. L’altoatesino ha battuto Casper Ruud ai quarti di finale e superato Hubert Hurkacz nella Race.

Sinner, purtroppo, non ha aumentato significativamente il suo vantaggio sul polacco, perché ha perso in seminale contro Frances Tiafoe dopo aver servito per il match.

Ruud parla del suo rapporto con Jannik Sinner

Ruud, che è stato in partita solo per un set contro Sinner, ha parlato proprio del suo ultimo rivale in conferenza stampa.

"Io e Sinner non siamo cresciuti insieme, come ho fatto con altri ragazzi della mia età, ma abbiamo un bel rapporto. Negli ultimi anni ci siamo allenati insieme diverse volte e abbiamo giocato gli stessi tornei.

A fine match possiamo essere tranquillamente amici" , ha spiegato Ruud nelle parole raccolte da Lorenzo Ercoli sul proprio account Twitter. "Dal 5-5, Sinner è cresciuto sui entrambi i lati e per me è diventato difficile.

È frustrante quando giochi bei punti, ma ne vinci pochi perché l'avversario gioca palle veloci da entrambi i lati e lo fa sbagliando poco" . Sempre pensando alla prossima edizione delle ATP Finals, ad assegnare gli utlimi due posti disponibili potrebbe essere il Masters 1000 di Parigi-Bercy, che inizierà il prossimo lunedì.

Sinner non è stato particolarmente fortunato e potrebbe sfidare all'esordio Carlos Alcaraz, che ha sconfitto Matteo Berrettini a Vienna. Lo spagnolo al primo turno se la vedrà con Pierre-Hugues Herbert. L'azzurro è poi stato inserito nello stesso quarto di finale di Daniil Medvedev.

Il russo è a caccia della prima posizione del ranking occupata da Novak Djokovic e dovrà vincere il torneo per tenere vivo l'obiettivo.