Jannik Sinner: "La sconfitta di Miami è stata decisiva per la mia stagione"



by   |  LETTURE 2005

Jannik Sinner: "La sconfitta di Miami è stata decisiva per la mia stagione"

È la sua prima vera stagione completa nel circuito e non condizionata dalla pandemia e Jannik Sinner si sta già facendo un nome, a soli 20 anni. Il tennista altoatesino ha conquistato nell'ultima settimana il torneo di Anversa, il quarto torneo dell'anno ed il quinto in carriera oltre alle NextGen Finals.

Sinner eguaglia in questa particolare classifica il numero uno al mondo Novak Djokovic e mostra ancora una volta il motivo per cui in tanti parlano di lui come del futuro del tennis. Dopo la vittoria di Anversa, in una finale a senso unico contro Diego Schwartzman, Sinner ha commentato la sua stagione ed ha parlato delle possibilità di accedere alle Finals Atp di Torino.

L'incontro è durato circa un'ora e mezza dove Jannik ha mostrato parte del suo talento ed ha chiuso con un duplice 6-2.

Sinner in conferenza stampa

Il giovane talento altoatesino ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in conferenza stampa: "Perdere la finale nel Masters 1000 di Miami ha giocato un ruolo fondamentale nella mia ottima stagione che sto vivendo.

Ovviamente avrei preferito vincere quel torneo, ma quella sconfitta mi è stata utile per le finali di Sofia e Anversa. In generale cerco sempre di trarre vantaggio dalle partite che perdo. Atp Finals? Mentirei se dicessi che non ci penso alle Atp Finals ma una volta che sono in campo penso solo al match ed alla tattica da utilizzare.

Questo è senza dubbio ciò che mi mantiene sulla retta via" Sinner ora è pronto per lo sprint finale per le Finals dove duellerà con Hubert Hurkacz, Casper Ruud, Cameron Norrie e Felix Auger Aliassime.

Ora Jannik non si ferma e tornerà subito in campo per il torneo di Vienna (che vede presenti anche Hurkacz e Ruud) ed al primo turno avrà subito un insidioso impegno contro il big server americano Reilly Opelka.

Una curiosa statistica che riguarda l'atleta di San Candido è il fatto che lui ha il 100 % di efficacia nelle finali quando si trova ad aver vinto il primo set del match.