Rianna non ha dubbi sul futuro di Jannik Sinner e Lorenzo Musetti



by   |  LETTURE 18179

Rianna non ha dubbi sul futuro di Jannik Sinner e Lorenzo Musetti

Dal 9 al 13 novembre si disputeranno al Palalido di Milano le Next Gen Finals. Quest’anno, tutti gli appassionati italiani potranno ammirare dal vivo i talenti del tennis mondiale che, nonostante la giovane età, hanno già saputo lasciare il proprio segno nel mondo dei grandi.

In attesa di capire quale sarà la scelta di Jannik Sinner e Felix Auger-Aliassime in caso di mancata qualificazione al Torneo dei Maestri, sono già certi di un posto alle Next Gen Finals Carlos Alcaraz, Sebastian Korda e Jenson Brooksby.

A pochi punti dall’obiettivo si trova anche Lorenzo Musetti, che ha seriamente messo in difficoltà Novak Djokovic al Roland Garros.

Rianna su Jannik Sinner: "Per lui ho un debole"

Della prossima edizione delle Next Gen Finals e dei migliori giovani italiani, ha parlato Umberto Rianna ai microfoni di SuperTennis.

“Sinceramente, dalla prima edizione del 2017 di questo torneo, non c’è stato un gruppo così forte. Come si vede anche dai precocissimi risultati che hanno ottenuto pure negli Slam. Al punto che almeno due di loro, Sinner ed Aliassime, rischiano di qualificarsi per le ATP Finals dei grandi della settimana dopo al Pala Alpitour di Torino coi migliori 8 in assoluto della stagione.

Sinner? Per lui ho un debole, per me è il più forte che ho mai visto: per certi versi, considerando l’età, anche meglio dei più grandi e a paragone di altri giovani molto promettenti come Korda.

Se chiedessero ai più forti di questa straordinaria covata Next Gen: 'Per arrivare al vertice saresti disposto a digiunare per due mesi e ad andare in ginocchio da qui al santuario di Medjugorje? ' . Sono sicuro che Alcaraz e Sinner non esiterebbero e lo farebbero davvero tutti e due.

Sinner ha la testa di Hewitt, che è stato un esempio di determinazione e abnegazione. Adesso si sta formando anche fisicamente con un delicato lavoro di prevenzione" . Rianna si è infine soffermato su Musetti.

"Per il tipo di tennis di Lorenzo ci vuole più tempo per assemblare tutte le tante cose che ha e mettere insieme tute le componenti fisiche, mentali e di esperienza" .