Record di precocità: Jannik Sinner si unisce a un 'nuovo' club



by   |  LETTURE 12265

Record di precocità: Jannik Sinner si unisce a un 'nuovo' club


Dopo il successo a Washington - e gli ottavi di finale sul cemento di Flushing Meadows - Jannik Sinner ha riconfermato il titolo a Sofia. Un successo fondamentale, quello il Bulgaria, per mantenere un posto tra i primi quindici giocatori del mondo e soprattutto per rimanere nella scia di Hubert Hurkacz e Casper Ruud nella corsa alle Finals.

Il norvegese, campione a San Diego, si è infatti accomodato sulla casella numero otto (la sette, data la certa assenza di Rafa Nadal) ai piedi del penultimo appuntamento '1000' della stagione. Indian Wells, Anversa e Vienna definiranno comunque in maniera decisa il quadro.

Anche perché a contendersi due posti saranno presumibilmente in quattro.

Sinner, quattro titoli prima dei ventuno anni. Primo Nadal, secondo Djokovic

Insomma: il talentino azzurro, che ha già pensato ad abbattere la stragrande maggioranza dei record di precocità, soprattutto quelli italiani, si è unito allo speciale club dei giocatori (tutt'ora in attività) con più titoli prima dei ventuno anni.

Guida ovviamente il gruppo Rafa Nadal, che a cavallo tra il 2004 e il maggio del 2007 ne ha agganciati ventuno. Nove '1000' e tre Slam, tanto per intenderci. Dietro, ma solamente di tre, di tre Novak Djokovic, campione a Melbourne Park nel 2008.

Proprio grazie al successo in semifinale ai danni del campionissimo spagnolo. Sinner, che aveva iniziato la stagione con il successo nel '250' di Melbourne alle porte del primo Slam stagionale, grazie al successo-due in Bulgaria ha agganciato Richard Gasquet a quota quattro.

Basti pensare che un tre volte campione Slam come Andy Murray - parte integrante dei 'Fab Four' fino a una manciata di anni fa - è stato in grado di vincerne solamente cinque. Alexander Zverev si è fermato a sei grazie al successo-finale a Montreal ai danni di Roger Federer.

Il 'primo degli umani' con sette titoli è invece Juan Martin del Potro, che sempre contro il campionissimo elvetico nel 2009 ha festeggiato il primo (e finora unico) titolo Slam in carriera. Il gigante-buono argentino non disputa un match ufficiale nel circuito da più di due anni. Photo Credit: Getty Images