Sinner raggiunge la finale: "Io e Brooksby abbiamo giocato un gran match"



by   |  LETTURE 7404

Sinner raggiunge la finale: "Io e Brooksby abbiamo giocato un gran match"

Quarta finale in carriera e terza quest'anno, nonché prima finale in un torneo Atp 500 per il giovane talento azzurro Jannik Sinner. Dopo un periodo di difficoltà il giovane tennista appare in netta ripresa e questa settimana ha raggiunto la finale a Washington.

In semifinale Jannik ha avuto la meglio sul giovane e talentuoso americano Jenson Brooksby. Dopo un primo set equilibrato Sinner ha annullato 3 set point sul 5-6 ed ha vinto il tiebreak, a quel punto Brooksby è crollato e Sinner ha chiuso agevolmente.

Grazie a questo risultato Jannik si è portato in classifica Atp in 18esima posizione. Con questi risultati Sinner ha dato un importante risposta alle critiche ed alle recenti sconfitte arrivate con la stagione sull'erba che lo ha visto cadere subito così come nel primo turno del torneo Atp di Atlanta.

Qui a Washington Sinner ha la chance di vincere il suo terzo torneo in carriera. Successivamente al match di singolo Sinner ha disputato anche il doppio insieme a Korda ma è stato eliminato nettamente.

Le parole di Sinner in conferenza

In conferenza stampa Jannik ha discusso di diverse tematiche ed ha parlato in vista della finale contro MacKenzie McDonald.

Ecco le sue parole: "Penso che entrambi abbiamo giocato una grande semifinale, il livello di tennis è stato molto alto ed abbiamo giocato a grande intensità. Credo che gli spettatori hanno apprezzato il nostro match e credo che la chiave dell'incontro sia stato il tiebreak del primo set.

Da lì ho avuto maggiore fiducia ed ho costruito la vittoria, sono felice di essere in finale e spero di ottenere il titolo. Ricordo che ho perso tutti gli ultimi tiebreak, credo che sia importante mantenere il servizio in queste circostanze e se Brooksby avesse vinto il primo set, ci sarebbe stata una sfida totalmente diversa.

Se mi ha influenzato il doppio? A dire il vero no, la finale è piuttosto tardi e quindi posso fare tutte le mie cose con comodo. Ho 19 anni, non sono vecchio e mi riprendo abbastanza velocemente", l'altoatesino ha concluso con una simpatica risata al termine di questa frase.