Il consiglio di Nicola Pietrangeli a Jannik Sinner



by   |  LETTURE 17118

Il consiglio di Nicola Pietrangeli a Jannik Sinner

“Abbiamo giocato entrambi ad altissimo livello. Ma io ero davanti sia nel primo che nel secondo set. Volevo vincere, volevo andare avanti, anche perché domani c’è il pubblico e ci tenevo tanto a giocare davanti al pubblico italiano.

So cosa avrei potuto e dovuto fare meglio, so che sono già migliorato contro, ad esempio, il match di Montecarlo con Djokovic. Ma sono deluso e triste e penso che non dormirò” . Con queste parole, Jannik Sinner ha espresso tutto il suo rammarico per la sconfitta subita contro Rafael Nadal al secondo turno degli Internazionali BNL d’Italia.

Il tennista azzurro, nonostante abbia giocato contro il migliore tennista della storia sulla terra battuta, è uscito dal campo deluso e questo non fa altro che confermare la grande grinta e le forti ambizioni che caratterizzano la sua vita sportiva.

Le parole di Pietrangeli su Sinner

Questa settimana, l’altoatesino parteciperà al torneo ATP 250 di Lione e ancora una volta il sorteggio non è stato clemente con lui. Sinner sfiderà infatti al primo turno uno dei giocatori più in forma e sorprendenti del Tour al primo turno, ovvero Aslan Karatsev.

Il russo si è imposto nel circuito maggiore a partire dagli Australian Open, dove ha raggiunto le semifinali e perso solo contro Novak Djokovic, e ha poi vinto il suo primo titolo ATP a Dubai battendo proprio Sinner ai quarti di finale.

L’esordio dell’italiano sarà quindi molto complicato e il cammino potrebbe diventare ancora più insidioso, considerando che è stato sorteggiato nella stessa porzione di tabellone della testa di serie numero uno Dominic Thiem.

Nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano “Il Messaggero” , Nicola Pietrangeli, una delle leggende del tennis italiano, ha parlato proprio di Sinner. “A fine anno sarà nei primi dieci del mondo” , ha dichiarato Pietrangeli senza timore.

“Ai miei tempi nessuno giocava a tennis così. Però a questi ragazzi vorrei dire: ‘Badate che con la faccia che fate la vostra carriera durerà due anni in meno di quanto potrebbe. Trovare soluzioni diverse dallo stare a fondo campo ogni tanto. Altrimenti vi spremete’ ” .