Sinner, dalla prossima edizione degli Internazionali d'Italia agli obiettivi futuri



by   |  LETTURE 10124

Sinner, dalla prossima edizione degli Internazionali d'Italia agli obiettivi futuri

Dopo la sconfitta subita al secondo turno del Masters 1000 di Madrid contro Alexei Popyrin , Jannik Sinner cercherà di ottenere un importante risultato agli Internazionali BNL d’Italia. Il giovane talento azzurro non è stato fortunato e farà il suo esordio al Foro Italico contro il pericoloso Ugo Humbert.

In caso di vittoria, Sinner troverà dall’altra parte della rete al secondo turno il re della terra Rafael Nadal, che a Madrid si è fermato ai quarti di finale.

Sinner: "Studio per diventare numero uno"

“Non penso alle aspettative su di me e continuo a lavorare sodo.

Ho sempre detto che un giocatore la pressione se la mette da solo, se vuole ottenere risultati importanti. Ogni partita che vinco o perdo mi serve per imparare qualcosa. Non si può chiedere a un ragazzo di 19 anni di avere l’esperienza dei migliori.

Soprattutto non si può giudicarlo da un solo match, che sia una vittoria o una sconfitta. Mi è successo questo a Miami" , ha dichiarato Sinner in un'intervista esclusiva alla Gazzetta dello Sport. "Ho giocato gli Internazionali solo due volte, ma sento che già mi appartengono, come succede a tutti i giocatori italiani.

Respiri un’atmosfera e una partecipazione assolutamente diverse da ogni altro posto. È vero che per noi italiani la pressione è più alta e forse ci perdonano meno, ma quando sei in difficoltà il pubblico è un grande aiuto.

Serve dimostrare di essere competitivi con continuità, non basta un solo torneo. Tra l’altro io non sono cresciuto sulla terra, perché in Alto Adige per via del freddo ti obbliga a giocare quasi tutto l’anno sui campi veloci indoor.

Serve adattarsi. L’ho detto: studio per diventare numero uno. Ora ho solo l’obiettivo di fare esperienza, giocare tante partite e maturare per approdare a un livello alto e restarci costantemente. Questo percorso richiede 4 o 5 anni, ogni passo non meditato rischia di riportarti indietro” .