Le parole di Jannik Sinner dopo l'esordio vincente nel Masters 1000 di Madrid



by   |  LETTURE 3761

Le parole di Jannik Sinner dopo l'esordio vincente nel Masters 1000 di Madrid

Debutto vincente nel Masters 1000 di Madrid per il giovane talento italiano Jannik Sinner che ha battuto l'argentino Pella dopo che questi si è ritirato a metà del secondo set sul risultato di 6-2;4-4. Dopo un primo set dominato l'azzurro ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo parziale, quando, avanti 4-1, ha subito un break ed ha visto il sudamericano rimontare per poi fermarsi a causa di un problema fisico.

Grazie a questo risultato Sinner ha momentaneamente guadagnato un'altra posizione nella classifica Atp.

Le parole di Sinner in conferenza

Al termine del match Sinner è apparso molto soddisfatto per la vittoria.

L'azzurro sfiderà al secondo turno il vincente tra Popyrin e Struff ed in caso di vittoria intriga un possibile scontro agli Ottavi contro Rafael Nadal. Ecco le sue parole: "Sono contento per la vittoria e per la mia prestazione in questo debutto nel torneo.

Non è facile giocare contro un mancino come Pella, non l'avevo mai sfidato e non sapevo cosa aspettarmi. Ho fatto io mio match e sapevo che giocando così avevo buone possibilità di vittoria. Peccato che lui si sia ritirato a causa di questo problemi fisici, so che li ha avuti anche a Monaco e mi dispiace.

Gli auguro buona fortuna e che si riprenda presto perché è un ottimo tennista ed un bravo ragazzo. Il campo? Le condizioni sono buone, ho sensazioni positive e questa è la mia prima apparizione qui. È bello che ci sia il pubblico, la pallina va veloce e bisogna trovare sempre l'equilibrio.

Sto pian piano provando a trovare le condizioni per far bene in questo torneo. Classifica? Ho più volte detto che è solo un numero, la strada è lunga e prima o poi guadagnerò le posizioni. Ho vinto poco, solo due titoli, e sono entusiasta della mia squadra che mi supporta.

Vedremo cosa ci riserva il nostro futuro" Jannik Sinner è da poco entrato in Top 20, attualmente è il numero 18 al mondo ed a meno di venti anni viene considerato come uno dei tennisti più promettenti dell'Intero panorama non solo nazionale ma bensì mondiale.