Francesca Schiavone parla dei possibili grandi risultati di Jannik Sinner



by   |  LETTURE 6759

Francesca Schiavone parla dei possibili grandi risultati di Jannik Sinner

Dopo una lunga attesa Francesca Schiavone torna nel circuito Wta. È una bellissima notizia per tutti i fan di tennis ed in particolare della tennista che, negli ultimi mesi ha combattuto una dura lotta contro il cancro, ed ora torna nel circuito nelle vesti di coach della tennista croata Petra Martic.

C'è molta curiosità di vederla in questo nuovo ruolo, ma soprattutto c'è gioia per rivederla di nuovo a contatto con il mondo del tennis. La Schiavone ha parlato di questo e tanti temi nel corso di un'intervista ai microfoni di Sky Sport.

Ecco le sue parole: "Questa è una nuova fantastica storia per me e spero anche per Lettera. La cosa più importante è che possiamo goderci la vita nonostante la pandemia ed il Covid. Viaggiare e allenarsi è difficile perché siamo in bolla ma bisogna stare attenti e quindi non è molto facile dal punto di vista mentale.

Programmi? Andremo pian piano e si comincerà con il tour su terra battuta con Madrid, Roma e Parigi"

Le parole della Schiavone su Jannik Sinner

Non è la prima volta da coach per la Schiavone che in passato ha accompagnato per un breve periodo Caroline Wozniacki.

Nel corso dell'intervista Francesca ha parlato di tanti temi, dal record di Serena Williams al ragazzo più discusso del tennis italiano, il giovane Jannik Sinner. Ecco le sue parole:

"Serena può vincere lo Slam che gli manca sulla terra? Se devo dire la mia dico di no, ma solitamente quando dico una cosa si verifica il contrario (ride).

Sinner? È un ragazzo fantastico, io penso che prima di essere un grande campione devi essere una grande persona e devi amare questo sport, poi devi lavorare davvero molto duramente. Lui ha tutte queste qualità oltre ad avere una gran qualità di palla che riesce a vedere prima rispetto agli altri tennisti, credo che possa diventare numero uno al mondo e senza dubbio può vincere un Grande Slam, anzi penso proprio che ci riuscirà"