Barazzutti, dal futuro di Berrettini e Sinner al sogno italiano



by   |  LETTURE 3504

Barazzutti, dal futuro di Berrettini e Sinner al sogno italiano

Matteo Berrettini e Jannik Sinner, in questo momento, sono i due tennisti italiani con la migliore classifica. Il primo è ormai presente in top ten dal 10 ottobre 2019 nonostante l’età di 25 anni; il secondo, sopratutto grazie all’ottimo inizio di stagione e la finale conquistata al Masters 1000 di Miami, è salito fino alla diciottesima posizione del ranking diventando uno dei tennisti più precoci della storia.

Berrettini, dopo i problemi fisici che hanno condizionato le sue ultime settimane, ha vinto il torneo ATP 250 di Belgrado battendo in finale la più grande sorpresa del 2021, ovvero Aslan Karatsev, che in semifinale ha sconfitto in un epico match il padrone di casa Novak Djokovic.

Barazzutti: "Sarebbe bello vedere una finale Berrettini-Sinner a Roma"

“Fa piacere che Matteo non solo sia ritornato alla grande conquistando domenica un torneo importante come l'Atp di Belgrado, ma anche perché ha vinto una finale con uno dei giocatori più in forma come Karatsev" , ha detto Barazzutti a Leggo.

"E' giovane ma è già un campione. Mi aspetto ancora tanto da lui" . Soffermandosi sulla semifinale raggiunta da Sinner a Barcellone, l'ex capitano della squadra italiana di Coppa Davis ha poi aggiunto: "E' già un giocatore da top 10, anche se la classifica non gli dà questo valore.

Ha già bruciato le tappe, ma entro un paio di anni sarà lì in alto come merita. Internazionali BNL d'Italia? Roma rimane un sogno per tanti tennisti italiani e mi auguro che possano fare bene. Sarebbe bello vedere una finale Berrettini-Sinner" .

Berrettini e Sinner parteciperanno la prossima settimana al Masters 1000 di Madrid; torneo che dovrà fare a meno di Djokovic. Il campione serbo ha deciso di non partecipare all'evento spagnolo e sarà quinidi sicuramente in campo agli Internazionali BNL d'Italia.

Prima del Roland Garros, Djokovic potrebbe addirittura giocare anche il secondo torneo ATP di Belgrado, dopo la sconfitta subita in semifinale la scorsa settimana. Rafael Nadal, proprio in vista dell'assenza di Djokovic, sarà la testa di serie numero uno del torneo di casa.