Quanto ha incassato Jannik Sinner dalla finale al Miami Open



by   |  LETTURE 26069

Quanto ha incassato Jannik Sinner dalla finale al Miami Open

Quest'ultima settimana non verrà dimenticata facilmente da Jannik Sinner, giovane tennista azzurro che, a meno di 20 anni, ha conquistato la sua prima finale in un Masters 1000. Numeri straordinari per il talentuoso altoatesino che ha seguito la scia di grandissimi campioni del passato come André Agassi, Novak Djokovic e Rafael Nadal ed è arrivato a giocarsi l'atto finale del primo Masters 1000 di questa stagione.

In questo torneo Sinner, partendo dal secondo turno visto la testa di serie, ha battuto il francese Hugo Gaston nel suo primo match ma è stato poi subito protagonista di una vera e propria battaglia contro il russo Karen Khachanov, più volte affrontato negli ultimi mesi.

Dopo le vittorie tra virgolette agevoli su Ruusuvuori e Bublik, Jannik ha vinto in rimonta giocando un grandissimo match in semifinale contro il numero 11 al mondo Roberto Bautista Agut. Questa finale per Sinner è un grandissimo risultato, l'azzurro d'altro canto ha approfittato delle sorprendenti eliminazioni di Alexander Zverev prima e di Daniil Medvedev poi, avversari che avrebbe dovuto sfidare ma che sono usciti invece nei turni precedenti.

L'incasso di Jannik Sinner

Un particolare non passato inosservato e che sicuramente non premia i due finalisti è il fatto che, rispetto all'edizione 2019, il Miami Open ha offerto una riduzione addirittura del 65 % del montepremi, dovuta alla Pandemia ed alle problematiche che il Covid ha portato in questi mesi.

Rispetto alle scorse edizioni sono stati Hubert Hurkacz e Jannik Sinner i più penalizzati con il vincitore che ha avuto un premio in ribasso di circa il 78 % mentre Sinner ha avuto un premio al ribasso del 76 %. Cifre comunque importanti ma non astronomiche con l'azzurro che ha incassato 165 Mila dollari mentre Hurkacz ha guadagnato con la vittoria del torneo 300 Mila dollari.

Il torneo di Miami rappresenta però solo l'inizio visto che nei prossimi mesi diversi tornei seguiranno questa scia, l'assenza di pubblico, il calo di guadagno dagli sponsor e tanto altro hanno portato a questa dura e difficile scelta ma come spiegato più volte dagli addetti ai lavori questo era l'unico modo per evitare la bancarotta del circuito.