Barazzutti pazzo di Sinner: "Può battere tutti i record del tennis italiano"



by   |  LETTURE 5618

Barazzutti pazzo di Sinner: "Può battere tutti i record del tennis italiano"

Jannik Sinner sta continuando a bruciare le tappe e a far sognare tutti gli appassionati di tennis. L’altoatesino è diventato il giocatore più giovane della storia italiana, il quinto di quella del tennis, a raggiungere la finale di un Masters 1000; lo ha fatto al Miami Open mostrando una forza mentale fuori dal normale.

Quest’oggi, Sinner affronterà in finale l’amico Hubert Hurkacz, ma come ha ricordato: “Hubi è il mio migliore amico sul Tour, ci troviamo davvero bene in doppio ed è un bravissimo ragazzo.

Mi ha scaldato anche prima di scendere in campo per i quarti di finale contro Alexander Bublik. Entrambi scenderemmo in campo per vincere” .

Corrado Barazzutti esalta il talento di Jannik Sinner

In un’intervista al quotidiano “La Repubblica” , l’ex capitano di Coppa Davis Corrado Barazzutti ha voluto elogiare Sinner e in generale la crescita del movimento maschile italiano.

“Certo. Oggi parliamo tanto di lui perché i suoi risultati ne confermano la crescita. Sinner è un ragazzo pulito. Educato. Si esprime in modo pacato, equilibrato. E rispettoso degli altri, piace per il suo comportamento.

E io penso che il comportamento sia un plus. Anche a livello tecnico? Su questo è concentrato, è in focus sul tennis. E se vuoi certi traguardi devi abbracciare il pensiero unico, come una fede. Come un prete. Potrebbe davvero battere tutti i record del tennis italiano.

Potrebbe prendersi uno Slam, forse due. Forse, forse… chi può dirlo? Ma io voglio andare oltre. Vorrei ricordare che non c’è soltanto lui. Penso a Lorenzo Musetti, che ha le sue stesse stimmate di talento.

E Matteo Berrettini ha soltanto 24 anni, e Lorenzo Sonego sta entrando nella fase della sua maturità, avendo iniziato più tardi degli altri. E non dimenticate il veterano Fognini… Coppa Davis? Noi, negli Anni Settanta, stregammo l’Italia per le tre finali, e il successo in Cile.

Al di là dei successi individuali, questi ragazzi insieme potrebbero combinare degli sfracelli in Davis, e sappiamo quanto sia importante per noi il concetto di nazionale" .