Nicola Pietrangeli incorona Jannik Sinner



by   |  LETTURE 3902

Nicola Pietrangeli incorona Jannik Sinner

Jannik Sinner ha sconfitto in una incredibile partita lo spagnolo Roberto Bautista Agut e quest’oggi giocherà la prima finale della sua carriera in un torneo Masters 1000. Il tennista italiano ha stupito ancora una volta tutti e proprio quando la partita sembrava ormai essere sfuggita, è riuscito ad alzare il livello e abbattere il muro costruito da Bautista Agut.

L’ultimo game della partita testimonia la grande forza mentale di Sinner, che ha chiuso l’incontro spingendo al massimo e ottenendo tre meravigliosi vincenti. L’altoatesino è diventato l’italiano più giovani di sempre a raggiungere la finale in un evento Masters 1000 e proverà a fare la storia nell’ultimo atto del Miami Open contro l’amico Hubert Hurkacz.

Pietrangeli su Sinner: "Entrerà in top 10 quest'anno"

Nicola Pietrangeli, vincitore di due tornei del Grande Slam ed ex numero tre del mondo, ha voluto esprimere il suo pensiero sul potenziale di Sinner in una recente intervista rilasciata a LaPresse.

"Sinner entro la fine dell’anno entrerà nei primi dieci del ranking. Contro Bautista-Agut ha tirato dei colpi straordinari al momento giusto. Con un po’ meno coraggio e bravura partite così si perdono.

Ha questa incoscienza della sua giovane età che lo aiuta. Conterà poco il fatto di giocare in finale contro il suo compagno di doppio). Sinner dovrebbe giocare in doppio sempre, gli verrebbe così maggiormente l’abitudine di andare sotto rete.

Ha tutta la vita davanti a sè e diventerà ancora più forte" . Anche Bautista Agut ha elogiato Sinner al termine della semifinale. "Jannik dà grande ritmo da fondo campo, è difficile giocare con lui e ti travolge.

Ho provato a prendere l'iniziativa e pressarlo in ogni momento ma questo ragazzo ha qualcosa di speciale, sopratutto nei momenti decisivi. Ho giocato con lui due volte ed in entrambi i casi avevo sensazione di poter vincere, è stato lui però alla fine ad ottenere la meglio.

Sono sicuro che lo aspetta un ottimo futuro, ha tutto. Si muove benissimo, buon servizio, resiste da fondo campo e soprattutto mentalmente è spettacolare. Continua a migliorare ogni giorno. Ha tante armi e credo che d'ora in poi sarà un gran concorrente"