Holger Rune, la crisi prosegue anche al Queen's: "Il campo era troppo scrivoloso"

Altra sconfitta per il tennista danese, che si arrende a Jordan Thompson

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
Holger Rune, la crisi prosegue anche al Queen's: "Il campo era troppo scrivoloso"
© Mike Hewitt/Getty Images

Il passaggio dalla terra battuta all’erba non è stato come se lo aspettava. Holger Rune si è dovuto arrendere già al primo turno dell’Atp 500 del Queen’s. A farlo fuori è stato l’australiano Jordan Thompson, che lo ha battuto con il risultato di 4-6, 7-6(4), 6-3.

Nel commentare la sconfitta l’ex top ten non ha accampato scuse, ma ha parlato della pericolosità dei campi, piuttosto instabili: Era molto scivoloso, a dire la verità. Sono scivolato tre volte e una di queste scivolate è stata molto importante, ma non ha senso dare la colpa al campo, sono io il responsabile della sconfitta.

È così per entrambi, e lui è riuscito a non scivolare", ha dichiarato in un’intervista riportata da As, dopo la partita.

il periodo negativo di Rune continua

Holger ha subito tre cadute nel corso del match, senza conseguenze fisiche, ma una di queste nel terzo set gli è costata il break e infine la partita.

La stagione del 21enne di Gentofte è stata fin qui abbastanza deludente. Al Roland Garros ha dato degli incoraggianti segni di ripresa, mettendo alle corde il finalista Alexander Zverev. Ora proverà a far meglio a Wimbledon, dove lo scorso anno si fermò ai quarti di finale.

Il tennista danese non è stato il solo a riscontrare questi problemi. Nella giornata di ieri altri suoi colleghi hanno avuto problemi con la tenuta dei campi, riportando anche problemi più seri. E’ il caso di Frances Tiafoe, che a seguito di una caduta è stato costretto al ritiro dal match contro Rinky Hijikata.

L’america ha riportato un problema all’anca. Ma non è finita qui, anche la partita tra Alejando Tabilo e Alejando Davidovich Fokina aveva subito un’interruzione a causa della forte umidità.

Holger Rune Jordan Thompson
SHARE