Paolo Lorenzi svela l'obiettivo degli Internazionali d'Italia: il chiaro messaggio

Il direttore del torneo del Foro Italico ha tracciato un bilancio delle due settimane

by Luca Ferrante
SHARE
Paolo Lorenzi svela l'obiettivo degli Internazionali d'Italia: il chiaro messaggio
© Mike Hewitt/Getty Images

È andata in archivio anche l'edizione 2024 degli Internazionali d'Italia al Foro Italico di Roma. Il direttore del torneo Paolo Lorenzi ha tracciato un bilancio al termine delle due settimane, in un'intervista riportata da SuperTennis.

L'ex tennista ha subito svelato quale sia, per i prossimi anni, il grande obiettivo da voler raggiungere: "Mi piace questo ruolo, perché si tratta di mettere i giocatori nelle migliori condizioni possibili per esprimersi al meglio.

Cercare quello che gli serve per dare il massimo nel periodo della manifestazione. Proviamo a migliorare ogni stagione, cercando di essere il miglior Masters 1000 al mondo, scavalcando Indian Wells" ha dichiarato. Sul torneo femminile ecco il parere dell'azzurro: "Forse in singolare ci si poteva attendere qualcosa in più dalle italiane, da Jasmine Paolini soprattutto.

Ma Swiatek e Sabalenka in finale sono il meglio che ci si possa aspettare oggi da un torneo Wta. E il doppio Errani/Paolini ha comunque mantenuto accesi i riflettori sul tennis italiano fino alla fine. Una bella emozione e una speranza importante in chiave olimpica".

L'analisi sul circuito maschile

"C'è un cambio generazionale in corso. Lo abbiamo vissuto 20 anni fa e lo viviamo ora. Nell'ultimo periodo, a parte Sinner e Alcaraz, per gli altri c'è un grande equilibrio e poca costanza: quando stanno bene sono molto competitivi, ma passano diverse settimane in cui non raggiungono i risultati sperati.

Magari usciranno altri giovani ma non avranno la continuità dell'esperienza, inevitabilmente. Comunque siamo stati abituati male: Federer, Nadal e Djokovic giocavano quasi sempre e quando entravano in campo vincevano.

Così ci siamo disabituati alle sorprese, ed è un peccato. Ora sembra che se c'è una sorpresa il torneo sia stato meno forte del solito. La realtà è che il futuro sarà molto più incerto" è il .

Paolo Lorenzi
SHARE