Medvedev: "Oggi è stata dura. Roland Garros? Djokovic, Sinner e Alcaraz i favoriti"

Il russo ha analizzato la sua prestazione contro Paul e parlato del Roland Garros in conferenza stampa

by Antonio Frappola
SHARE
Medvedev: "Oggi è stata dura. Roland Garros? Djokovic, Sinner e Alcaraz i favoriti"
© Mike Hewitt/Getty Images

Dal nostro inviato - Daniil Medvedev, alla fine, non ha sfatato un tabù che forse sta iniziando a pesare anche nella sua mente. Venti i tornei aggiunti in bacheca nel corso della carriera, tutti diversi tra loro. L'unica conseguenza di questa statistica porta a un doloroso risultato: il russo non è mai riuscito a difendere un titolo da quando ha sollevato al cielo il trofeo a Sydney nel 2018.

Quest'oggi a interrompere il suo cammino verso la prima difesa di un titolo è stato Tommy Paul, tornato sul rettangolo di gioco a Madrid dopo l'infortunio alla caviglia di Miami. L'americano ha avvertito subito l'occasione e, anche nel momento di maggiore difficoltà, non si è lasciato condizionare conscio del fatto che dall'altra parte della rete non fosse presente il Medvedev versione acchiappa tutto.

Medvedev e i favoriti al Roland Garros: le parole del russo

"Oggi è stata dura. Avrei dovuto fare meglio dal punto di vista mentale. Mi sono calmato e concentrato solo alla fine, ma era troppo tardi. Mi aspettavo sicuramente di giocare in maniera migliore.

Il campo era diverso, così come le condizioni. Non sono riuscito a ricompormi abbastanza velocemente e questo mi è costato la partita" , ha detto Medvedev in conferenza. "Favoriti al Roland Garros? Dovremmo tenere conto della classifica.

Novak Djokovic e Jannik Sinner se gioca. Anche Carlos Alcaraz ovviamente, sempre se gioca. Poi tocca a me, il numero quattro. Stefanos Tsitsipas ha vinto Montecarlo e se vince anche il torneo di Roma potrebbe diventare il grande favorito.

Forse è un po' più aperto di quanto lo sia mai stato prima. È una buona notizia anche per me, perché di solito non gioco molto bene a Parigi. Più ci sono possibilità, meglio è per me" .

Sulla maledizione chiamata difesa del titolo, il nativo di Mosca ha infine spiegato: "È deludente, volevo fare meglio a Roma. Non ci sono andato nemmeno vicino. Cosa posso dire? Più titoli vinco, più avrò la possibilità di provare a difenderli. Questo è quello che cercherò di fare" .

Roland Garros Alcaraz
SHARE